Juventus–Inter 1-3 | Telecronache Zuliani, Recalcati e Tramontana | Video

La Juventus perde la propria imbattibilità che durava da 49 partite proprio contro la rivale storica. "Doveva capitare prima o poi" è il leitmotiv di queste ore ripetuto a oltranza dai tifosi juventini, tuttavia la sconfitta diventa inevitabilmente più amara se l'avversario si chiama Inter. I tifosi interisti, invece, festeggiano un successo meritato non prima di aver stuzzicato gli avversari sulla direzione di Tagliavento e sulla prestazione non certo esaltante dei collaboratori dell'arbitro di Terni. E come se non bastasse i nerazzurri di Andrea Stramaccioni si sono regalati la soddisfazione di battere la Juventus nel tempio bianconero, mai violato da nessuna squadra. E' una giornata da ricordare per l'Inter che, senza ombra di dubbio, si fa largo in maniera prepotente tra le pretendenti al titolo.

Stramaccioni, il nuovo Mourinho come ama definirlo (diciamo in modo un po' spericolato) qualcuno, da perfetto sconosciuto della Serie A italiana, prima di comunicare in diretta televisiva la sua dedizione con cui affronta gli allenamenti e il lavoro tattico durante la settimana, si è preso una piccola rivincita verso tutti gli scettici e a fine partita ha risposto alla battuta ironica di Giuseppe Marotta che prima del match aveva definito la disposizione tattica dell'Inter come spensierata. Dall'altra parte Angelo Alessio è comprensibilmente deluso per l'andamento della gara, ma riconosce i meriti dell'Inter:

"Alla fine è successo. Abbiamo fatto la nostra partita, ma abbiamo perso. Ci dispiace, ma nonostante questo, dobbiamo fare i complimenti ai nostri ragazzi, siamo fieri di loro per la lunga striscia di imbattibilità che hanno saputo costruire. L'Inter ha sfruttato le occasioni, noi no. Purtroppo è capitato di perdere contro l'Inter, ma reputo che abbiamo fatto la partita. Abbiamo avuto le opportunità per raddoppiare seppur non ci siamo riusciti, poi il rigore ci ha affossati. Dobbiamo fare i complimenti ai nostri ragazzi, che non perdevano da 49 partite. Quindi voltiamo pagina e andiamo avanti. Dopo il gol abbiamo sempre continuato a giocare nello stesso modo costruendo tanto con Marchisio e Vidal. Ricordo solo un tiro di Cassano a lato. La strategia di Stramaccioni? Eravamo pronti ad ogni evenienza e a fare la nostra partita. Ci siamo lasciati sfuggire le nostre chances e poi nella ripresa siamo entrati in difficoltà. Accettiamo la sconfitta, non ne facciamo un dramma. Avevamo comunque di fronte un'ottima squadra, che ha avuto i suoi meriti".

Foto Juventus - Inter 1-3

Foto Juventus - Inter 1-3
Foto Juventus - Inter 1-3
Foto Juventus - Inter 1-3

CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI CLAUDIO ZULIANI

CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI CHRISTIAN RECALCATI

  • shares
  • Mail