Napoli - Dnipro 4-2 | Telecronache di Auriemma e di Radio Marte | Video

Edinson Cavani sovrumano, alieno, mostro... Questa sera si sono sprecati gli aggettivi per l'attaccante uruguaiano e i telecronisti televisivi, di parte e non, hanno attinto a mani basse dal dizionario dei sinonimi per celebrare la straordinaria prestazione di colui che ha praticamente trascinato quasi da solo il Napoli alla vittoria. Difficile, a questo punto, dare un giudizio asettico alla partita degli azzurri e fare un'analisi scindendola dalla performance di Cavani. La squadra allenata da Walter Mazzarri è andata in difficoltà nel primo tempo e ad inizio ripresa, quando gli ucraini sono passati in vantaggio facendo tremare il San Paolo.

Le solite amnesie difensive di Europa League e la consueta e scarsa coordinazione tra i reparti, unite ad una stentata sintonia tra calciatori poco utilizzati, hanno favorito il recupero del Dnipro (a proposito, ottima squadra con due o tre elementi da non sottovalutare, nonostante la sconfitta). Le buone notizie arrivavano da Stoccolma dove l'AIK Solna conduceva per 1-0, ma il Napoli era ugualmente e ovviamente condannato a battere il Dnipro.

Poi Mazzarri ha deciso di dare una svolta alla partita facendo entrare Hamsik ed Insigne per Donadel e Vargas. Il Napoli non ha perforato subito la difesa ucraina e al 27' è entrato anche Pandev al posto di Aronica. Il tempo si assottigliava fino a quando Cavani non ha deciso di scatenarsi e di segnare altri 3 gol in un quarto d'ora facendo esplodere il San Paolo. Quattro gol e tre punti che portano il Napoli al secondo posto nella classifica del gruppo F, con due punti di vantaggio rispetto ad Aik Solna e PSV Eindhoven, i prossimi avversari dei partenopei (gli svedesi fuori casa e poi l'ultima al San Paolo contro il PSV).

Le Foto di Napoli - Dnipro 4-2

Le Foto di Napoli - Dnipro 4-2
Le Foto di Napoli - Dnipro 4-2
Le Foto di Napoli - Dnipro 4-2


CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI RAFFAELE AURIEMMA

_______________________

  • shares
  • Mail