Il Treviso esonera Gotti, Balbo il nuovo allenatore: ma sarà davvero così?


Salta la dodicesima panchina in Serie B: il presidente del Treviso Ettore Setten questa volta non ha avuto ripensamenti e ha sollevato dall'incarico Luca Gotti, già esonerato qualche settimana fa ma rimasto in sella per la ferma opposizione dei giocatori, desiderosi di uscire dal periodo negativo insieme al loro mister. Dopo le ultime 4 partite in cui sono arrivati appena due punti e la squadra veneta s'è ritrovata all'ultimo posto della classifica, il massimo dirigente trevigiano non ha retto oltre e ha interrotto il rapporto lavorativo con Gotti. Al suo posto l'argentino Abel Balbo che sarebbe alla sua prima esperienza su una panchina da professionista, con tanto di condizionale d'obbligo per questioni che rasentano il grottesco.

Come accaduto all'epoca del primo esonero, i giocatori hanno mal digerito l'allontanamento di Gotti e oggi sono rimasti negli spogliatoi, non accettando di venir allenati dal nuovo allenatore. "Siete su Scherzi a Parte" c'era scritto sullo striscione apparso sul campo dall'allenamento, oltre alle motivazioni ufficiali del diniego giustificato dall'assenza del medico sociale della squadra. La società sta prendendo tempo e ha comunicato a livello ufficiale che mister Balbo comincerà a lavorare solo da mercoledì, nonostante la presentazione sia avvenuta oggi; circolano voci che vorrebbero le dimissioni a tempo di record dell'ex stella dell'Udinese, che pure era felice di cominciare questa nuova avventura.

Dopo aver giocato 200 partite in A con Udinese, Fiorentina, Parma e Roma condite con 109 gol (più qualche decina di reti in cadetteria), Abel Balbo s'era dato alla musica, non disdegnando il calcio apportando le sue opinioni nel corso di trasmissioni sportive di Radio Rai. Nel frattempo ha preso il patentino d'allenatore, quindi la chiamata da Setter; questi i commenti del neo-allenatore in merito alla sua nuova esperienza, a questo punto avvolta nel mistero: "È la prima volta per me e spero che sia un trampolino di lancio". Ma se il buon giorno si vede dal mattino...

  • shares
  • Mail