Galliani smentisce le voci maligne sull'infortunio di Kakà


Quest'anno scatenare polemiche sul Milan va tanto di moda, ogni piccolo avvenimento che accade a Milanello arriva sui mezzi di informazione e si amplifica, facendo sentire il suo eco per giorni. Certo sarà anche colpa di alcune mosse strategiche quantomeno discutibili della società rossonera, vedere ad esempio la questione Beckham che ad un certo punto era diventata talmente intrigante da conquistare anche le casalinghe italiane. In questi ultimi giorni l'argomento preferito di stampa e televisione è l'infortunio di Kakà, il brasiliano non riesce a guarire e molti pensano che dietro il lungo stop ci siano cause diverse da un'infiammazione ai legamenti del piede.

Il giocatore ha sempre dichiarato di non vedere l'ora di poter tornare in campo per contribuire alla causa milanista, la sua permanenza a Milano, nonostante la corte del Manchester City, dovrebbe essere il simbolo del rafforzato legame con i colori rossoneri. Per questo anche in questa circostanza Kakà ha sentito l'esigenza di smentire le voci maliziose che sono circolate in questi ultimi giorni. Anche Galliani stesso oggi ha avuto la premura di chiarire, cercando di mettere la parola fine, la situazione del fuoriclasse brasiliano.

Senza troppi giri di parole il vicepresidente vicario ha dichiarato: "Vorrei chiarire una cosa, una volta per tutte. E' totalmente fuori di melone chi pensa che ci possa essere qualcosa sotto l'infortunio di Kakà. Il ragazzo è uno dei capisaldi del Milan del futuro, ed anche in passato, quando aveva fastidi al ginocchio, ha dimostrato di sapere soffrire e sacrificarsi per questa maglia". Galliani ha provato anche a spiegare il perché dei tanti infortuni che si abbattono sui calciatori: a suo modo di vedere non è una questione di calendari troppo fitti quanto piuttosto del troppo stress che si lega al mestiere di calciatore in Italia.

Anche Kakà ha voluto poi fare il punto sulle sue condizioni fisiche: "Il mio infortunio è molto particolare e strano per un giocatore. Ho un problema ai tendini, che si infiammano continuamente. Non appena la situazione migliorerà e potrò sopportare maggiormente il fastidio o il dolore, sicuramente tornerò in campo. Come ha detto il dottor Galliani, non sarebbe la prima volta che gioco convivendo con qualche fastidio". A dargli problemi è la cosiddetta articolazione di Lisfranc, dal medico francese, precursore della moderna chirurgia e della ginecologia, che le ha dato il nome. Questo genere di problemi non è comune nel calcio e riguarda per lo più la danza e la ginnastica, discipline in cui gli atleti usano molto le punte dei piedi.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: