Mancini: "A luglio torno ad allenare" - Quale squadra secondo voi?


Il Mancio è ancora in forma e ha regalato scampoli di classe e invenzioni con due assist, uno per Cassano e l'altro (vincente) per Lombardo. Ma prima di calpestare ancora una volta da calciatore il terreno del Luigi Ferraris di Genova, dove si è disputata la partita solidarietà in favore della ricerca sulla Sla, Roberto Mancini, dai microfoni di Sportitalia, si è lasciato andare ad una dichiarazione interessante sul suo futuro da allenatore: "A luglio tornerò su una panchina, perché la nostalgia inizia farsi sentire. Questa è stata una vacanza più lunga del solito". (Clicca per il Sondaggio)

Qualche giorno fa l'ex allenatore dell'Inter aveva escluso un possibile ritorno alla corte di Moratti: "Io all'Inter? Sono sotto contratto per i prossimi tre anni, ma non penso che in questo momento abbiano bisogno di un tecnico". Rimangono aperte molte ipotesi e strade, compresa quella che porterebbe il tecnico jesino al di fuori dei confini nazionali (Inghilterra?). Mancini si è poi soffermato su Cassano e la sua "avversione" alla nazionale, una situazione familiare per l'ex numero 10 di Sampdoria e Lazio: "Abbiamo in comune, oltre alla tecnica e al ruolo, una sorta di idiosincrasia nei confronti della Nazionale. Ma lui è giovane ed ha ancora tante possibilità per arrivare in Nazionale e convincere il c.t. a chiamarlo".

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: