Milan - Lecce 2-0: Dinho e Inzaghi allo scadere


Eh sì, siamo proprio agli sgoccioli della stagione: manca ancora qualcosa come due mesi, eppure i calciofili italiani non hanno di che rallegrarsi in vista delle ultime otto giornate di campionato. Qualche brivido in chiave quarto posto e un solo posto al sole per le quattro pericolanti, per il resto da qui alla fine sarà noia pesta: come confermato dal posticipo di questa sera in cui Milan e Lecce hanno offerto uno spettacolo di non primissimo pelo, non per chi guardava la partita con sguardo neutrale. Decidono due gol a un soffio dal gong, il primo fortunoso di Ronaldinho (che ha deviato un'incornata di Senderos), il secondo di Inzaghi abile a spingere il rete un bel pallone fornitogli da Sheva (Fotogallery - Video).

A parte superPippo gli altri tre giocatori erano tutti subentrati a partita in corso, a rimarcare la "bontà" dell'undici messo in campo da Ancelotti: Kakà e Seedorf hanno fatto da spettatori, Maldini s'è dovuto fermare nel corso del primo tempo, Pato non riusciva insieme a Inzaghi ad avere la meglio del doppio colosso difensivo formato da Esposito e Fabiano. Il Lecce dal canto suo la partita, almeno quella che aveva in mente, l'ha fatta: arcigna maniera di difendere, pressing moderatamente asfissiante, ripartenze ordinate. Non ricette per mettere paura a Dida, ma abbastanza per imbrigliare i rossoneri, costringendoli nel primo tempo a un solo tiro (fuori) degno di nota, quello di Pato allo scadere.

Nella ripresa vuoi i cambi, vuoi le lancette che inesorabili ticchettavano sull'orologio, il match un po' si è svegliato, ma niente per cui farsi venire un infarto di cuore; entra Ronaldinho che un po' di pepe ce lo mette, sicuramente meglio di Seedorf, ma è Munari a sfiorare il vantaggio per gli ospiti con un colpo di testa parato da Dida. Pato cresce, Kakà scompare del tutto e al suo posto entra Sheva, il Lecce abbastanza agevolmente cerca di portare a casa un punto importantissimo; ma a ridosso dell'ultimo minuto accade quello che non ti aspetti: prima l'1-0 di Ronaldinho, sulla traiettoria del colpo di testa di Senderos, poi addirittura il 2-0 di Inzaghi servito da Shevchenko. Punizione troppo severa per i salentini, il Milan vince con le unghie: rimane però una partita poco più che mediocre.

Tabellino

MILAN-LECCE 2-0 (0-0)
MARCATORI: Ronaldinho al 46', Inzaghi al 48' s.t.
MILAN: Dida; Zambrotta, Maldini (Senderos dal 39' p.t.), Favalli, Jankulovski; Flamini, Pirlo, Seedorf (Ronaldinho dall'8' s.t.); Kakà (Shevchenko dal 33' s.t.); Pato, F. Inzaghi. (Kalac, Antonini, Ambrosini, Beckham). All: Ancelotti
LECCE: Benussi; Polenghi, Fabiano, Esposito, Ariatti (Konan dal 44' s.t.); Angelo (Giuliatto dal 35' s.t.), Vives, Giacomazzi, Munari; Caserta; Tiribocchi (Papadopulos dal 44' s.t.). (Rosati, Schiavi, Ardito, Zanchetta). All: De Canio (in panchina Pavese).
ARBITRO: Farina di Novi Ligure.
NOTE: Spettatori paganti 10.199, incasso 214.215,50; 42.822 abbonati, quota abbonati 727.965,21. Ammoniti Pirlo e Vives per proteste, Polenghi per gioco scorretto, Caserta per comportamento non regolamentare. Angoli: 9-1. Recuperi: 2' p.t.; 4' s.t.


Le miglori foto di Milan-Lecce

Le migliori foto di Milan-Lecce


Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
Le miglori foto di Milan-Lecce
  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: