Luciano Moggi presto potrebbe tornare nel mondo del calcio

Dopo anni di lontananza dal mondo del calcio potrebbe essere arrivato il momento di Luciano Moggi. L’ex dirigente della Juve passato agli onori della cronaca nella calda estate di calciopoli continua a far notizia e questa volta parla per annunciare una bomba di mercato. Lui che di solito era abituato a realizzarle in questa occasione


Dopo anni di lontananza dal mondo del calcio potrebbe essere arrivato il momento di Luciano Moggi. L’ex dirigente della Juve passato agli onori della cronaca nella calda estate di calciopoli continua a far notizia e questa volta parla per annunciare una bomba di mercato. Lui che di solito era abituato a realizzarle in questa occasione ne diventa protagonista, infatti l’indiscrezione non riguarda un calciatore ma Luciano Moggi in persona. Non è comunque la prima volta che viene ventilata una sua nuova irruzione nel mondo del calcio.

In questa circostanza però le voci che lo vogliono vicino al ritorno godono della sua conferma: “E’ tutto vero nel mese di dicembre mi è stata fatta una proposta da un importante club europeo. Un progetto importante che prevede la riorganizzazione della squadra e un obiettivo su tutti: la Champions League. Non sono conosciuti ulteriori dettagli ma lo stesso Moggi ha rivelato che a breve sarà fatta chiarezza e comunicherà le sue decisioni.

Il nome di questo club misterioso non è ancora noto ma è difficile immaginare che si trovi in un paese diverso dall’Inghilterra. A cercare l’ex direttore generale della Juventus potrebbero dunque essere gli arabi del Manchester City? Si fa fatica, in effetti, a trovare una squadra che più potrebbe ambire alla Champions League, ma considerando che la proposta risale allo scorso dicembre non è escluso che l’idea sia di Abramovich, già sulle tracce di Ancelotti. Idea folle è quella che invece vorrebbe dietro la misteriosa offerta la figura di Massimo Moratti. Il ruolo che ricoprirebbe Moggi non sarebbe comunque dirigenziale, come lui stesso ha chiarito, quanto piuttosto quello di un semplice consulente del misterioso presidente.