Itandje sospeso per due settimane, rideva durante la cerimonia di commemorazione delle vittime di Hillsborough


Il Liverpool ha sospeso per due settimane il secondo portiere, il francese Charles Itandje. La causa di tale provvedimento disciplinare è la sua condotta in occasione della cerimonia di commemorazione delle vittime di Hillsborough. Lo scorso 15 aprile cadeva il ventesimo anniversario di quella orribile tragedia che costò la vita a 96 persone e come al solito tutto il popolo dei Reds si era riunito ad Anfield Road per ricordare e onorare i morti, ovviamente erano presenti oltre a tutti i parenti anche la rosa al completo e molte vecchie glorie.

Il momento più toccante della cerimonia è stato forse quello dell'esecuzione della canzone "Tragedy" scritta proprio in onore delle vittime. Il giocatore viene sorpreso dalle telecamere mentre prova a improvvisare un balletto e sorride in tribuna sulle note che si diffondevano nello stadio. Come se non bastasse prova anche a coinvolgere il suo vicino di posto, il connazionale Damien Plessis, che è prevedibilmente imbarazzatissimo. Il provvedimento nei suoi confronti non è giunto immediatamente poiché la sua intemperanza in un primo momento non era stata notata (Video).

Sono stati i tifosi a richiedere a gran voce una punizione esemplare dopo che il video è iniziato a circolare su internet sollevando l'indignazione generale. È stato proprio Rafa Benitez a ordinare al giocatore di non presentarsi all'allenamento di giovedì preannunciandogli l'arrivo di una sanzione. Così ieri con un comunicato ufficiale il Liverpool ha annunciato la sospensione del francese per 14 giorni, è chiaro però che i suoi problemi non finiranno con una tiratina d'orecchie.

Sembra quasi certo che Itandje sarà ceduto a fine stagione, d'altra parte non sarebbe la prima volta che Benitez prova a liberarsi di lui. Il portiere non è certo famoso per la sua professionalità, i suoi ritardi sul campo d'allenamento non fanno più notizia, per questo a gennaio provarono a venderlo al Galatasaray ma il giocatore rifiutò il trasferimento. Ora difficilmente potrà restare a Liverpool, addirittura c'è chi chiede la rescissione immediata del contratto senza neanche aspettare la fine della stagione.

Dal canto suo il francese si è detto mortificato, ha chiesto scusa a tutti spiegando che mai avrebbe voluto mancare di rispetto alle famiglie delle vittime, ha aggiunto che se potesse andrebbe a chiedere scusa di persona a tutti i parenti. Purtroppo però Charles Itandje si deve convincere che la frittata è fatta e difficilmente si potrà tornare indietro, bene dunque che si abitui all'idea di vestire una nuova casacca nella prossima stagione.

Itandje scherza durante la commemorazione delle vittime di Hillsborough

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: