Berlusconi contro Moratti: “Senza quel gol di mano nel derby…” – La replica “alla fine conteremo i rigori”

Quattro partite fa, prima del suicidio della Juventus di Ranieri, sembrava fosse una questione fra bianconero e nerazzurri, improvvisamente la sconfitta di Napoli e la striscia positiva del Milan hanno parzialmente riacceso le speranze di un campionato non ancora del tutto finito. Si tratta naturalmente di una possibilità più che remota, quando mancano 5 giornate

di


Quattro partite fa, prima del suicidio della Juventus di Ranieri, sembrava fosse una questione fra bianconero e nerazzurri, improvvisamente la sconfitta di Napoli e la striscia positiva del Milan hanno parzialmente riacceso le speranze di un campionato non ancora del tutto finito. Si tratta naturalmente di una possibilità più che remota, quando mancano 5 giornate dalla fine sono troppi i 7 punti di vantaggio per sperare in una rimonta, ma tanto basta per riaprire il fronte delle polemiche fra Milan e Inter.

Ci pensa Silvio Berlusconi che, non senza qualche azzardo algebrico, riferisce di un commento di Adriano Galliani e avvia la bagarre a distanza: “senza quel gol di Adriano nel derby, segnato di mano, ora saremmo a -1 e sarebbe tutto diverso, ma con il condizionale, nel calcio, non si va da nessuna parte“. A stretto giro la replica del Presidente Moratti: “a fine anno conteremo i rigori a favore del Milan, sono già a quota 12“.

Proprio ieri, con i due calci di rigore concessi da Rizzoli, il Milan ha rafforzato la sua leadership per quello che riguarda i rigori a favore concessi, ben 12 contro i 4 dell’Inter capolista. Una statistica che conta poco e non dice nulla, ma che fa comodo ai tanti che amano discutere di sudditanze psicologiche, favoritismi e pressioni sugli arbitri. Tutto questo quando il Milan è a -7, dovesse recuperare ancora qualche punto cosa accadrebbe?

I Video di Calcioblog