Calciomercato: dopo Cannavaro la Juve (ri)punta Xabi Alonso


La firma di Fabio Cannavaro con la Juventus è cosa fatta, un contratto biennale con un ingaggio da 2 mln di euro per la prima stagione e da 1.6 mln per la seconda. L'opzione per una carica dirigenziale a partire dal terzo anno, successivamente al ritiro, prevederebbe un emolumento di 300 mila euro annui. L'ufficializzazione tarderà ad arrivare, ma la trattativa è definita e conclusa. Il problema sarà ora vedere come il pubblico assorbirà il colpo, specialmente il tifo organizzato gradisce pochissimo il ritorno di Cannavaro.

Il Capitano della Nazionale paga, soprattutto, le dichiarazioni che precedevano la vittoria del Mondiale ("giocherò nella Juve anche in serie C") seguite dalla partenza per Madrid ("non posso sprecare a quest'età la chance di giocare con il Real per puntare alla Champions") nonostante l'allora allenatore bianconero Deschamps tentò ripetutamente di convincerlo a rimanere in bianconero.

Chiuso questo capitolo Secco e Blanc si concentrano su un altro tassello, l'acquisizione di Xabi Alonso dal Liverpool. Lo spagnolo, già vicinissimo la scorsa estate, non arrivò per una duplice ragione: la richiesta di Benitez e la parziale bocciatura di Ranieri che lo definì "lento per il nostro campionato". Si optò per l'acquisto di Poulsen, approvato dal tecnico bianconero, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Ora la dirigenza bianconera starebbe cercando di mettere una "toppa" ritornando sullo spagnolo che la scorsa estate aveva già firmato il contratto con la Juventus. Si riparte dalla stessa offerta di qualche mese fa, 16.5 mln di euro ai Reds per il cartellino.

Stavolta Benitez, intenzionato a fare mercato passando per qualche dolorosa cessione, sembrerebbe intenzionato a cedere. Questo nuovo assalto al centrocampista altro non è che un'altra dimostrazione di come le ultime 5 gare di questa campionato rischino di essere le ultime con Claudio Ranieri in panchina.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: