I tifosi del Milan: “Berlusconi, non ti votiamo”

E se dietro il tormentone più inverosimile di questo inizio giugno ci sia la solita boutade brillante e pazzerella dello spumeggiante tycoon che si chiama Silvio Berlusconi? Il Presidente del Consiglio è impegnato con le imminenti elezioni e benché si ostina a sostenere che i sondaggi parlano di un consenso superiore al 70%, la sua


E se dietro il tormentone più inverosimile di questo inizio giugno ci sia la solita boutade brillante e pazzerella dello spumeggiante tycoon che si chiama Silvio Berlusconi? Il Presidente del Consiglio è impegnato con le imminenti elezioni e benché si ostina a sostenere che i sondaggi parlano di un consenso superiore al 70%, la sua contemporanea carica di patron dell’A.C. Milan potrebbe creargli qualche grattacapo. Oppure “rivoltarsi” a suo vantaggio.

Gli spagnoli danno Kakà al Real Madrid al 99%, il Chelsea rilancia e inserisce pure Pato, il Milan subisce le offensive sui fianchi senza batter ciglio. Sui forum, chat e gruppi vari in rete affollati da supporters di fede rossonera in questi giorni è chiaro il messaggio: “Non andiamo a votare” o anche “Scriviamo sulle schede: non si vende Kakà“. A quando l’annuncio del “dottorGalliani che dirà trionfalmente “il nostro Presidente ha fatto un ulteriore sforzo economico e Kakà resterà con noi: teniamoci stretto Berlusconi“?. Qualche voto in più, di certo, sarebbe assicurato…