L'Ucraina batte la Svizzera e ora affronterà l'Italia


La vittoria al cardiopalmo di ieri a Kaiserslautern nei confronti dell'Australia ci ha dato il pass per Amburgo, dove venerdì sera si giocherà un quarto di finale sulla carta non proprio proibitivo. Dopo la partita degli azzurri infatti sono scese in campo a Colonia Ucraina e Svizzera, non proprio due rivelazioni, ma sicuramente due nazionali che hanno ben figurato: dalla partita tra queste due squadre si sarebbe infatti svelato il nome della nostra prossima avversaria e dopo 120 minuti e 7 calci di rigore il campo ha detto Ucraina.

Khun cambia poco nel suo undici titolare benché la lussazione alla spalla di Senderos lo costringe a inserire, al centro della difesa, il giovane Djourou; Blokhin invece mette fuori a sorpresa Rebrov e si affida a un tridente con Voronin, Vorobey e sorpattutto Shevchenko. La partita pare mettersi sui binari giusti, almeno per quanto riguarda lo spettacolo, e così il pubblico subito si infiamma per un buon tiro da fuori di Wicky, per una traversa clamorosa di Sheva su colpo di testa e per un altro legno colpito questa volta dagli svizzeri con una punizione perfetta di Frei. Tuttavia il ritmo finisce col calare e in campo inizia a prevalare la paura di perdere, più che la voglia di vincere. La Svizzera, forte della sua difesa imperforabile, imposta allora una partita guardinga e l'Ucraina tenta di sfondare con le giocate di classe di Sheva che con un tiro di sinistro sfiora il palo di poco. Neanche Voronin, di testa, riesce a bucare Zubi che così preserva la sua porta e lo farà fino alla fine. Sì, perché i tempi supplementari non regalano grandi emozioni (un tiro di Vogel da fuori è tutto quello che ci offrono) e così servono i rigori per decretare la vincitrice. Il primo calcio è di Sheva che clamorosamente sbaglia; replica Streller e Shovkovskyi si supera e para. Milevskyi fa centro con un cucchiaio e gesto di stizza a seguito, Barnetta tira sulla traversa. Rebrov ancora va in gol, Cabanas ancora sbaglia. Alla fine tocca a Gusev siglare il gol qualificazione che fa volare gli ucraini ai quarti. La Svizzera torna tra le sue valli con la difesa imbattuta e quattro gol realizzati.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: