Milan: sfumato Cissokho Galliani esce allo scoperto per Dzeko e blocca Pirlo

Di fronte all’affare sfumato di Aly Cissokho Galliani appare imperturbabile e tutt’altro che preoccupato. In verità le sue dichiarazioni in merito sembrano poco attendibili: non si punta ad un giovane investendo 15 milioni di euro per poi sostenere, una volta bloccato il trasferimento per i problemi fisici, che il Milan non ha bisogno di terzini

di


Di fronte all’affare sfumato di Aly Cissokho Galliani appare imperturbabile e tutt’altro che preoccupato. In verità le sue dichiarazioni in merito sembrano poco attendibili: non si punta ad un giovane investendo 15 milioni di euro per poi sostenere, una volta bloccato il trasferimento per i problemi fisici, che il Milan non ha bisogno di terzini e sta benissimo così. Fosse vero come mai si voleva prendere il franco-senegalese del Porto?

È finita. Non abbiamo trovato un accordo nè per quanto riguarda il prestito con diritto di riscatto, nè per quanto riguarda uno sconto. Non credo ci saranno altri discorsi col Porto. Abbiamo provato per un giorno, un giorno e mezzo ma non è stato trovato un accordo economico nonostante la disponibilità di lavoro. No, credo cercheremo un sostituto. Abbiamo molti terzini di fascia, penso che resteremo coi nostri. Abbiamo Zambrotta, Oddo, Jankulovski, Antonini, Bonera che può andare sulla fascia, Flamini che può fare il terzino. Siamo coperti.

Ad ogni modo il mancato arrivo di Cissokho rende ancora più irrequieti gli umori dei tifosi milanisti, inevitabilmente scottati dalla partenza di Kakà, dalle tante voci su Pirlo e Pato che potrebbero seguire Ancelotti al Chelsea, così Galliani si sbilancia per la prima volta sul vero obiettivo dei rossoneri: Edin Dzeko. Per lui l’amministratore delegato del Milan esce allo scoperto, ammettendo le difficoltà di una trattativa che ora sembra imperativo superare, e raccontando la sua strategia per il calciomercato che non prevede la partenza di Andrea Pirlo o chicchessia.

Abbiamo un grande organico con tanti grandi campioni. Quindi sotto con Dzeko sperando che il Wolfsburg lo ceda. Dzeko è un grande attaccante, il Wolfsburg al momento non lo sta mollando. Speriamo di farcela con lui sennò cercheremo qualcun altro. Il Wolfsburg non sta giocando, vuole tenere il calciatore. Poi c’è il solito problema che non puoi tenere un giocatore, e la regola vale per tutti, se non è d’accordo, se non è felice. È il mercato. I tifosi non devono aspettarsi un colpo. Arriverà un centravanti. Noi abbiamo campioni assoluti: Gattuso, Pirlo, Ambrosini, Seedorf, Pato, Ronaldinho, i difensori. Certo, è partito Kakà e arriva un attaccante. Ricordiamoci che siamo arrivati secondi a pari merito con la Juventus, per le regole italiane siamo arrivati terzi. Fossimo stati in Germania, Inghilterra, Francia dove vale la differenza reti generale saremmo arrivati secondi. Ma non arriviamo da una stagione negativa. Pirlo? Non abbiamo ricevuto nessuna offerta e se le riceveremo le rispediremo al mittente. Pirlo al 99,99% periodico resterà al Milan. Noi continuiamo a credere e pensare di avere una squadra di grandi campioni. Ambrosini? Con calma lo faremo, quest’anno c’è un contratto e poi vedremo. Non si può dire sempre di sì a tutti. Bisogna negoziare, trattare, lavorare. Sennò è facile e comodo, basta di dire di sì.

Pirlo è “blindato”, ma Pato? Sul giovane brasiliano non c’è dubbio, lui sarà il motore dell’attacco rossonero insieme al nuovo leader, quel Ronaldinho che ancora non ha fatto vedere il suo reale valore al Milan, ma che non sarà il “sostituto” di Kakà:

Ronaldinho c’era già anche l’anno scorso e quindi non può essere il sostituto. Sarà il centravanti che arriverà. Ronaldinho c’era e c’è e quest’anno puntiamo assolutissimamente su di lui. Pato sarà il punto di riferimento. Quando non si lanciano i giovani ci accusate che non lo facciamo. Pato è giovane, non ha ancora 20 anni. È un campione formidabile. Io penso che un attacco fatto da Pato e da un centravanti, abbiamo anche Inzaghi e Borriello, e anche Ronaldinho, sia un bell’attacco. Il nostro allenatore vuole giocare con il 4-3-3, che credo sia divertente.

I Video di Calcioblog