Svezia - Inghilterra 7-8 d.c.r.: gli inglesi sono in finale dopo una partita emozionante e imprevedibile, decidono i calci di rigore


La prima semifinale di questo Campionato europeo Under 21 si gioca allo stadio Gamla Ullevi di Goteborg, di fronte i padroni di casa della Svezia e l'Inghilterra. Le due squadre danno vita ad una partita divertente e imprevedibile aggiudicandosi un tempo ciascuno. Il primo è tutto di marca inglese che si portano sul 3-0, il secondo è gialloblu, gli svedesi realizzano a loro volta tre reti e pareggiano i conti. Dopo mezz'ora di supplementari la partita viene decisa ai calci di rigore. L'errore decisivo è dello svedese Molins, gli inglesi volano in finale.

L'Inghilterra imprime una svolta all'incontro dopo un solo minuto, Milner si incarica della battuta di un calcio d'angolo, nel cuore dell'area si fa trovare al posto giusto nel momento giusto Cranie che mette a segno l'1-0. La Svezia non si deprime e gioca la sua partita in maniera ordinata, gli inglesi però sono più esperti e in campo questa dote si traduce in maggior cinismo. Poco prima della mezz'ora i ragazzi allenati da Stuart Pearce trovano il secondo gol, ancora su azione d'angolo, l'autore questa volta è però Onuoha. La fortuna non sembra essere dalla parte degli svedesi che al 38° capitolano ancora, ancora una volta l'azione si sviluppa da un corner e il capitano in giallo Bjarsmyr è protagonista di una sfortunata deviazione. L'arbitro manda tutti negli spogliatoi, gli inglesi sembrano essere con un piede in finale.

Nella ripresa i calciatori della Svezia rientrano in campo prestissimo e si caricano per provare l'impresa. L'Inghilterra forte del largo vantaggio prova ad amministrare e fino ad un certo punto ci riesce anche. A rovinare i piani degli inglesi arriva però il gol del 3-1 svedese al 68°, è Berg l'autore, la rete mina alla base le certezze britanniche. Alla mezz'ora la Svezia si avvicina ancora, Toivonen realizza il 3-2 con una grande punizione dal limite. Gli inglesi sono allo sbando e gli svedesi sanno che possono riuscire nell'aggancio. Il pareggio arriva puntuale, il gol è ancora una volta di Marcus Berg che di questo torneo è la sorpresa più bella. I novanta minuti regolamentari finiscono in parità e si va ai supplementari.

Il primo tempo supplementare non lascia registrare nessuna occasione clamorosa anche se i padroni di casa ovviamente giocano meglio sfruttando l'inerzia accumulata. Verso la fine dei 15 minuti l'Inghilterra però resta in dieci, Campbell rimedia il secondo giallo per una brutta entrata su Lustig. Nella seconda frazione supplementare è ovviamente la Svezia a provarci con più convinzione, la conclusione dalla distanza è la soluzione preferita ma non produce effetti. Berg colpisce una traversa che fa tremare il portiere Hart bravo per il resto a opporsi. Non ci sono gol dopo 30 minuti di extra time, tutto si deciderà ai calci di rigore.

I primi due tentativi di trasformazione sono subito falliti, prima dall'inglese Milner, poi da Berg. Inizia poi una lunga serie di rigori trasformati con il portiere Hart grande protagonista prima per il gol, era il secondo a calciare per l'Inghilterra, poi per l'ammonizione rimediata, forse per le strane facce che utilizzava per distrarre gli avversari. Alla fine il rigore decisivo lo sbaglia lo svedese Molins che vede infrangere i sogni di finale sul palo alla destra del portiere. L'Inghilterra di Pearce è in finale, attende una tra Italia e Germania.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: