D'Agostino più lontano dalla Juve, i dirigenti bianconeri ora pensano a Ledesma e Diarra


"Credo che la Juventus non abbia capito il valore del giocatore. La sua volontà di partire non va strumentalizzata, se potessi lo accontenterei, perché un suo recupero psicologico sarebbe difficile, ma la situazione è complessa. Sono arrivate anche due offerte, da due importanti club, uno italiano e uno straniero", ha affermato poche ore fa il patron dell'Udinese, Giampaolo Pozzo. Frasi che congelano ulteriormente la trattativa con la Juventus per Gaetano D'Agostino, anzi, allontanano sicuramente il centrocampista 27enne dal capoluogo piemontese.

Pozzo ha poi aggiunto che "fino all'ultimo può succedere di tutto, anche che torni in auge la Juventus. Con la società torinese i rapporti sono buoni, ma è complesso recuperare questa situazione. Se la Juve volesse davvero arrivare a D'Agostino sarebbe disposta anche a compiere un sacrificio. Alla Juve dico che non è corretto approfittarsi dell'entusiasmo del giocatore. Il divario tra domanda e offerta è enorme". Già ieri il presidente friulano aveva messo in guardia i bianconeri sul vero valore di D'Agostino.

A questo punto le richieste economiche del patron Pozzo per D’Agostino potrebbero essere ritenute eccessive dai dirigenti della Juventus. La dirigenza bianconera comincia a guardarsi intorno e i nomi più gettonati sono quelli di Mahamadou Diarra del Real Madrid e di Cristian Ledesma della Lazio. Il Corriere dello Sport ipotizza una partenza del calciatore maliano in caso di arrivo di Xabi Alonso alla corte di Florentino Perez. La via che porta al laziale, invece, sembra meno tortuosa. Ledesma, infatti, quasi sicuramente non vestirà la maglia biancoceleste per l'anno prossimo e la conferma arriva direttamente dal suo procuratore, D'Ippolito, che quantifica in 15 milioni di euro il costo del suo cartellino:

"Lo do per certo: Cristian l'anno prossimo non resterà alla Lazio. Abbiamo parlato con la Juventus però i bianconeri stanno ancora decidendo cosa fare con D'Agostino, dopodiché se molleranno il centrocampista dell'Udinese penseranno a Ledesma. Siamo in contatto con un altro club di pari livello rispetto alla Juve che vorrebbe Cristian. Sto parlando del Milan. La questione è chiara: a Milano se parte Pirlo la prima scelta è Ledesma. Quindi, o Juve o Milan, Cristian se ne andrà. Il cartellino di Cristian vale 15 milioni di euro. A questo punto dobbiamo attendere qualche sviluppo di mercato legato a Milan e Juve, ma sul futuro del giocatore ho solo una certezza: non resterà alla Lazio".

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: