Il Gallipoli è in vendita, a costo zero

Il Gallipoli, che nell’ultimo campionato di Prima Divisione ha conquistato la sua storica prima promozione in Serie B, è in vendita. Lo ha annunciato lo stesso presidente, Vincenzo Barba, nel corso di un’assemblea organizzata dalla tifoseria della squadra salentina alla quale hanno partecipato un migliaio di sostenitori. Fin da quando la società ha ottenuto la


Il Gallipoli, che nell’ultimo campionato di Prima Divisione ha conquistato la sua storica prima promozione in Serie B, è in vendita. Lo ha annunciato lo stesso presidente, Vincenzo Barba, nel corso di un’assemblea organizzata dalla tifoseria della squadra salentina alla quale hanno partecipato un migliaio di sostenitori. Fin da quando la società ha ottenuto la promozione il presidente ha fatto appello agli imprenditori locali affinché garantissero il loro supporto economico, purtroppo le sue richieste fino ad oggi sono cadute nel vuoto.

Barba ha dichiarato di essere pronto a cedere l’intera società a costo zero per dimostrare come la squadra sia di tutti, della città e non solo di un singolo uomo. Per il momento però nessuna proposta concreta è arrivata e la stagione ormai sta per cominciare. Il presidente in carica ha detto di poter coprire l’80% delle spese del prossimo campionato, il restante 20% però deve rappresentarlo il mondo economico e sociale della città di Gallipoli.

In attesa che qualcuno si faccia avanti c’è soltanto una certezza: i lavori per la costruzione della nuova squadra che dovrà affrontare il duro campionato di Serie B non sono ancora cominciati, il ritardo potrebbe penalizzare non poco i salentini. Questa vicenda mette in risalto, ancora una volta, come il calcio nelle serie minori sia tutt’altro che economicamente in salute. Il caso del Gallipoli è simile per certi versi a quello della Pro Patria. La squadra di Busto Arsizio ha perso la possibilità di approdare nella serie cadetta soltanto ai play off, sconfitta in finale dal Padova, ma poi non è stato possibile scongiurarne il fallimento e la rifondazione. I tifosi del Gallipoli sperano in una sorte diversa e che il loro presidente riesca a trovare i fondi per tenere in piedi la società.