Il Livorno presenta Vittorio Russo, sarà lui l’allenatore che affiancherà Ruotolo

Il Livorno in partenza per il ritiro in Valdaora ha presentato ieri il suo “nuovo” allenatore. Sulla panchina dei labronici siederà Vittorio Russo, 70 anni, già vice di Walter Mazzarri nella scorsa stagione, venuto alla ribalta in quanto sedeva sulla panchina dei blucerchiati in occasione dell’altisonante 3-0 che i liguri imposero all’Inter nella gara d’andata


Il Livorno in partenza per il ritiro in Valdaora ha presentato ieri il suo “nuovo” allenatore. Sulla panchina dei labronici siederà Vittorio Russo, 70 anni, già vice di Walter Mazzarri nella scorsa stagione, venuto alla ribalta in quanto sedeva sulla panchina dei blucerchiati in occasione dell’altisonante 3-0 che i liguri imposero all’Inter nella gara d’andata di Coppa Italia. Ufficialmente sarà lui il primo allenatore della squadra, in realtà è molto più verosimile che la vera guida sarà affidata a Gennaro Ruotolo, protagonista della promozione in Serie A, giudicato non idoneo ad allenare nella massima serie dalla Federcalcio.

Vittorio Russo è un uomo di grande esperienza, ha speso tutta la sua vita nel mondo del calcio. Dopo qualche trascorso come calciatore nelle fila della Sambenedettese si è stanziato dalle parti di Trieste, da allenatore giocatore ha ottenuto la promozione in C2 con la Pro Gorizia. Ha poi collaborato con la nazionale Under 21 affiancando Giampaglia e Tardelli conquistando tre campionati Europei. Ha anche allenato la Primavera della Triestina prima di accasarsi a Marassi sponda blucerchiata. Si conclude in questo modo la vicenda che tanto aveva fatto adirare il presidente amaranto Spinelli che non aveva approvato la decisione della federazione a proposito di Ruotolo accusandola di sfruttare un regolamento poco chiaro per prendere decisioni poco eque con evidente riferimento a nomi come quello di Leonardo più recentemente o di Mancini nel passato.

Il Livorno si è ritrovato ieri per poi raggiungere il ritiro in pulman, in attesa di una soluzione al caso Lucarelli, erano comunque presenti ieri alcune facce nuove. C’era Marchini ad esempio, acquistato proprio dalla Triestina ma proveniente da Bologna. Il giocatore è in cerca di riscatto dopo la brutta esperienza di Cagliari, stava guadagnandosi la stima di molte big dellla Serie A, poi alcuni problemi con lo spogliatoio e un litigio con Foggia hanno fermato la sua ascesa. Sull’out di destra dovrà vincere la concorrenza di un altro nuovo arrivo, il ventottenne Raimondi. Tra i convocati non figurava Fabio Galante mentre Alessandro Grandoni è rimasto a casa a causa di una faringite, si aggregherà al gruppo nei prossimi giorni.

I Video di Calcioblog