Juve: Caceres è più vicino, ma servono i soldi della cessione di Poulsen

Martin Caceres sarebbe a un passo dalla Juve: lo afferma il suo agente, l’ex bianconero Daniel Fonseca, anche se la trattativa necessita ancora di qualche giorno e appare tutt’altro che facile. Per vari motivi. Il difensore uruguaiano, considerato da molti l’erede di Paolo Montero, vuole giocare ma al Barcellona la scorsa stagione gli è riuscito


Martin Caceres sarebbe a un passo dalla Juve: lo afferma il suo agente, l’ex bianconero Daniel Fonseca, anche se la trattativa necessita ancora di qualche giorno e appare tutt’altro che facile. Per vari motivi. Il difensore uruguaiano, considerato da molti l’erede di Paolo Montero, vuole giocare ma al Barcellona la scorsa stagione gli è riuscito difficile: appena 8 presenze da titolare in Liga, anche se protagonista con 7 apparizioni nella trionfale Coppa del Re. D’altra parte i blaugrana solo 12 mesi fa avevano lo avevano pagato ben 16,5 milioni di euro dal Villarreal, fissando la clausola rescissoria a ben 50 milioni; nonostante i 22 anni e la buona tecnica non ha mai convinto a pieno Guardiola e da più parti si vocifera che la Juve faccia un pressing asfissiante su di lui.

Caceres s’è convinto: nonostante avanti a sé sa di avere Cannavaro e Chiellini, ha fatto sapere di volere fortemente la Vecchia Signora. Ma da Barcellona fanno sapere che per l’intero cartellino servono almeno 15 milioni, come è giusto che sia: si lavora dunque per venirsi incontro, con Secco e soci che hanno offerto la metà più Poulsen. Il danese non manda in brodo di giuggiole i catalani, così la seconda pista percorribile dalla società di Corso Galileo Ferraris è quella che porterebbe alla vendita per circa 8 milioni del centrocampista reinvestendo i soldi per Caceres. E qui entra in gioco il procuratore di Jan Bonnesen che sa del ruolo chiave del suo assistito nell’operazione e potrebbe alzare la posta e chiedere importanti buonuscite.

“Restando a Barcellona, Martin correrebbe il rischio di vivere un’altra stagioni ai margini. Que­sto lo sa anche Guardiola, che non ha nes­sun interesse a tenersi in casa un giocato­re pagato carissimo, ma utilizzato con il contagocce. Caceres raggiungerà il ritiro del Barcellona fra tre giorni, ma conta di rimanervi poco, lui vuole la Juve. Il Barcello­na ha speso 16,5 milioni un anno fa e ore ne chiede 15. La Juve vorrebbe acquista­re l’intero cartellino, ma inserendo Poul­sen come contropartita e, ovviamente, trattando il prezzo. Il danese però non con­vince i catalani. Un rebus, ma medierò io tra le parti. D’altra parte Ferrara a differenza di Guardiola stravede per lui”

Questo il pensiero di Fonesca in merito all’operazione che potrebbe anche virare su una soluzione di comodo: ovvero un prestito (magari oneroso) con diritto di riscatto. La strada ancora è lunga ma a sentire le parti pare che sia percorribile entro una settimana o poco più. E sarebbe un ottimo colpo per la Juve vista la giovane età di Caceres, l’esperienza internazionale (Tabarez, ct dell’Uruguay, lo tiene in gran considerazione convocandolo sempre accanto a Lugano nella difesa della celeste) e le indubbie qualità del giocatore.

I Video di Calcioblog