Fiorentina, sarà Castillo il vice Gilardino della prossima stagione

Cesare Prandelli due giorni fa aveva tracciato l’identikit del futuro vice Gilardino: “Dovrà avere qualità morali e motivazioni, sa che verrà a fare l’alternativa all’attaccante titolare” disse espressamente. Ebbene, oggi l’attaccante di Biella ha un sostituto che si chiama José Ignacio Castillo, detto Nacho, un trottolino argentino che ha segnato in tutte le categorie, compresa

Cesare Prandelli due giorni fa aveva tracciato l’identikit del futuro vice Gilardino: “Dovrà avere qualità morali e motivazioni, sa che verrà a fare l’alternativa all’attaccante titolare” disse espressamente. Ebbene, oggi l’attaccante di Biella ha un sostituto che si chiama José Ignacio Castillo, detto Nacho, un trottolino argentino che ha segnato in tutte le categorie, compresa la Serie D: arriva alla Fiorentina a titolo definitivo per 900mila euro, al giocatore un contratto di due anni. “E’ un attaccante molto forte. Nella passata stagione ha fatto 7 reti, con un ottimo campionato. Su di lui c’erano il forte pressing di Bari e Sampdoria. Però sono felice per lui sia andato a Firenze, per la piazza in cui arriva e per l’amicizia che ci lega con la Fiorentina e con Corvino” ha detto il ds del Lecce Guido Angelozzi.

Queste invece le parole a caldo di Castillo: “Ancora devo partire, sono ancora in ritiro con il Lecce, ma aspetto solo l’ok per partire. Ma sono molto contento, anche perché la Toscana è una zona dove sono stato bene, e soprattutto c’è stata bene la mia famiglia. Domani devo essere a Firenze per le visite, poi dopo immagino che raggiungerò i compagni in ritiro. So qual’è il ruolo che devo fare a Firenze, e sono stato sempre un giocatore che si è comportato sempre bene. Credo che mi abbiano scelto per quello. Sicuramente se c’è spazio e opportunità cercherò di fare il meglio anche perché sarà in quei frangenti che dovrò dare il massimo. Spero vada tutto bene. Ai tifosi ancora non dico niente, ma perché ancora devo arrivare“.

So cosa devo fare quest’anno e cercherò di fare il meglio quando entro. L’anno scorso riuscivo a entrare subito in partita, e quello conta. L’impegno lo posso promettere di certo. Il ruolo? Mi sento una prima punta, e credo mi abbiano scelto per questo per fare il vice-Gilardino. Non siamo uguali ma siamo simili. Non so quale sarà il modulo della Fiorentina, e posso anche giocare anche con due punte, ma io sono una prima punta” ha concluso l’attaccante 34enne nativo di Buenos Aires. Non possiamo che applaudire alla carriera di questo ragazzo che ha scalato il calcio professionistico a suon di gol e abnegazione: dal Brindisi al Nardò, dalla Vigor Lamezia al Gallipoli fino al Frosinone, in B. Quindi Pisa e l’anno passato l’esordio in A, con Lecce. Prossimo obiettivo la Champions League.

I Video di Calcioblog