I Menarini confermano la trattativa per la cessione del Bologna all’imprenditore albanese Rezart Taci

Le prossime ore potrebbero essere decisive per il Bologna, la società felsinea attualmente in mano alla famiglia Menarini potrebbe cambiare nuovamente proprietario con l’ingresso come socio di maggioranza del petroliere albanese Rezart Taci. È da qualche giorno che si rincorrono le voci a proposito di una trattativa in corso tra le parti, oggi a darne


Le prossime ore potrebbero essere decisive per il Bologna, la società felsinea attualmente in mano alla famiglia Menarini potrebbe cambiare nuovamente proprietario con l’ingresso come socio di maggioranza del petroliere albanese Rezart Taci. È da qualche giorno che si rincorrono le voci a proposito di una trattativa in corso tra le parti, oggi a darne conferma è stata la stessa proprietà dei rossoblu che in una nota chiarito l’attuale situazione.

Si apprende infatti che Aktiva, la società che attualmente possiede il 100% del pacchetto azionario rossoblu, ha attivato una trattativa con il gruppo che fa capo all’ingegnere Rezart Taci “con l’obiettivo di giungere, laddove vengano verificate tutte le condizioni necessarie, alla cessione del pacchetto di maggioranza del Club”. Per la prima volta quindi viene espressa chiaramente la volontà di una cessione dopo che negli scorsi mesi più volte erano state respinte al mittente altre offerte. Al Bologna si era interessato un gruppo arabo, così come un non meglio specificato gruppo di imprenditori milanesi. L’ultimo, in ordine cronologico, a provare interesse era stato l’ex presidente della Virtus Bologna Claudio Sabatini, sulla sua strada trovò una porta chiusa.

Da quanto trapelato pare che ci sia anche già un accordo di massima. L’albanese con un investimento di circa 25 milioni di euro dovrebbe rilevare l’80% del pacchetto azionario del Bologna mentre la famiglia Menarini resterebbe in qualità di socio di minoranza con il restante 20%. Se la trattativa dovesse andare in porto per il Bologna si potrebbe aprire una nuova era, la famiglia Menarini aveva già parlato di un rilancio dei felsinei previsto per i prossimi anni, l’arrivo di capitali freschi potrebbe accelerare il progetto. Rezart Taci sarebbe il secondo proprietario straniero nella centenaria storia del Bologna, l’altro fu Luis Rauch, svizzero, primo presidente in assoluto dei rossoblu.

I Video di Calcioblog