Tira e molla finito: Rosina passa dal Torino allo Zenit San Pietroburgo

La prossima stagione Alessandro Rosina non giocherà nel Torino: manca l’ufficialità ma può già annunciarsi il passaggio dell’ormai ex capitano granata ai russi dello Zenit San Pietroburgo. Sulle rive della Neva hanno fatto le cose per bene: il ds Korneev ha avviato i dialoghi col procuratore del giocatore Bozzo, poi la società ha pensato di


La prossima stagione Alessandro Rosina non giocherà nel Torino: manca l’ufficialità ma può già annunciarsi il passaggio dell’ormai ex capitano granata ai russi dello Zenit San Pietroburgo. Sulle rive della Neva hanno fatto le cose per bene: il ds Korneev ha avviato i dialoghi col procuratore del giocatore Bozzo, poi la società ha pensato di contattare Cairo con un offerta da prendere o lasciare. Quasi otto milioni di euro (di cui 500mila devono andare al Parma per il regolamento Fifa che prevede un contributo di solidarietà alle società che hanno formato ed educato il giocatore dal 12° al 23° compleanno), il presidente del Toro ci ha pensato a lungo, anche perché è nota la predilezione di Cairo per il “suo” numero 10.

Pur tuttavia di questi tempi otto milioni sono una bella cifra, mentre a Rosina andranno quasi 2 milioni netti all’anno per quattro stagioni, più altri benefit a seconda dei risultati (così come lo Zenit in caso di vittorie o qualificazioni prestigiose dovrà donare ulteriori soldi al Torino). Lo stesso giocatore s’è detto entusiasta della nuova meta: “Sì, giocare le coppe europee è importante per me e poi vado in una città bellissima” ha dichiarato in giornata. Nei giorni scorsi s’era parlato di Lokomotiv Mosca e Stoccarda su di lui, con accostamenti anche al Napoli: lui però voleva solo lo Zenit e il club russo ci ha creduto più degli altri. Già domani potrebbe arrivare l’ufficialità.

I Video di Calcioblog