Rosina subito in gol con la maglia dello Zenit, esordio da favola per l’ex torinista

Arrivato sulle sponde della Neva appena una settimana fa, incassate le critiche del suo nuovo allenatore Dick Advocaat con tanto di chiarimento successivo, ieri Alessandro Rosina ha potuto già provare la sensazione di calcare il prato del Petrovskiy negli ottavi di finale di Coppa di Russia, avversario il Nizhniy Novgorod (squadra del massimo campionato russo


Arrivato sulle sponde della Neva appena una settimana fa, incassate le critiche del suo nuovo allenatore Dick Advocaat con tanto di chiarimento successivo, ieri Alessandro Rosina ha potuto già provare la sensazione di calcare il prato del Petrovskiy negli ottavi di finale di Coppa di Russia, avversario il Nizhniy Novgorod (squadra del massimo campionato russo ma che naviga nei bassifondi della classifica): ebbene, l’ex torinista non poteva immaginare esordio migliore con la maglia dello Zenit San Pietroburgo. Giocate di gran classe, tutto il suo repertorio condensato in 70 minuti, lo stadio che gli tributa la prima standing-ovation, soprattutto un gran bel gol (Video del gol di Rosina).

Dopo cinque minuti subito un cucchiaio da fuori area che per poco non è entrato, per il resto sponde puntuali e tanta personalità; come al 39° quando Rosina ha fatto centro: ha raccolto una sponda di Kornilenko, ha messo giù il pallone disorientando con un veloce gioco di gambe l’avversario e in contro tempo ha tirato di destro beffando il portiere avversario. Nella ripresa ancora buone trame per l’italiano sotto il cielo pulito di San Pietroburgo e i 18 gradi °C di temperatura: ha sfiorato la doppietta, alla fine è stato sostituito da Fayzulin meritandosi gli applausi dei suoi nuovi tifosi. Lo Zenit ha poi vinto 2-1, ma solo ai supplementari.

I Video di Calcioblog