Scontro Lippi – Mourinho: il ct pronostica la Juve quale vincitrice dello scudetto, lo Special One se la prende

A domanda risponde: a Marcello Lippi è stato chiesto durante il Trofeo Berlusconi (a cui assisteva dalla tribuna) chi, secondo lui, avrebbe vinto il prossimo scudetto. Il ct della Nazionale ci ha pensato giusto un po’, poi ha affermato spontaneamente: “Il campionato? Sarà lungo e difficile, ma alla fine vincerà la Juve“. Apriti cielo. Sì,


A domanda risponde: a Marcello Lippi è stato chiesto durante il Trofeo Berlusconi (a cui assisteva dalla tribuna) chi, secondo lui, avrebbe vinto il prossimo scudetto. Il ct della Nazionale ci ha pensato giusto un po’, poi ha affermato spontaneamente: “Il campionato? Sarà lungo e difficile, ma alla fine vincerà la Juve“. Apriti cielo. Sì, perché José Mourinho se l’è presa non poco per questo suo “pronostico” e ha così etichettato l’episodio: “Per quanto riguarda il campionato forse in questo momento, dopo la pre stagione, devo iniziare a cambiare il mio pensiero perchè il torneo sembra sia già finito ancora prima di iniziare. Io posso accettare che un giornalista dia la sua opinione e scriva che la Juventus, a suo parere, è la squadra che vincerà il prossimo scudetto“.

Ed è ovvio che accetti che lo facciano anche un giocatore, un dirigente o il presidente della Juventus: fa parte della logica, perchè fa parte di quello che si prova, che si sente e che può servire a motivare la propria squadra. Ma oggi è davvero la prima volta che leggo che un comissario tecnico, una persona che ha una grandissima responsabilità istituzionale, dice che il prossimo campionato lo vincerà una determinata squadra, cioè la Juventus. Se è vero che lo ha detto, questo mi fa pensare tanto. Se è vero, aspetto una rezione del calcio nazionale, perchè sentire un ct affermare, prima dell’inizio della stagione, che una certa squadra vincerà il campionato, anche se mentalmente può desiderare che finisca così, il solo fatto di dirlo credo sia una mancanza di rispetto” ha continuato il lusitano.

Continuo ad avere dubbi sul fatto che lui si sia espresso in questo modo, perchè non sarebbe la prima volta che si legge qualcosa che noi non abbiamo detto o che abbiamo detto in un contesto diverso. Per il momento, continuo a pensare che una persona della dimensione e della responsabilità del nostro ct non possa dire una cosa così” ha concluso. Perplesso Lippi che ha controreplicato: “Mi dispiace se Mourinho dà questa interpretazione: nella sua semplicità il mio era solo un pronostico, una delle mille ipotesi che si fanno prima che cominci il campionato. Basta rivedere l’intervista. Mi è stato chiesto lì per lì “chi vince lo scudetto”, ho detto quel avevo in mente. Mourinho mi sembrava una persona intelligente, mi dispiace interpreti diversamente: ma non c’è alcun problema. Certo, non si può dire mezza parola…“.

Contro-controreplica di Mourinho attraverso il sito dell’Inter: “Esagerare? Non certo da parte mia. Perché, se era un pronostico, come Lippi per altro ha confermato, era un pronostico, esagerato, che il ct di tutto il calcio italiano non dovrebbe mai fare. E poco importa se, in precedenti interviste, un anno o un mese fa, Lippi ha parlato bene dell’Inter o di altri club. Ieri sera il ct di tutti ha dato un suo indirizzo preciso a un campionato che deve ancora iniziare. A me questo non sta bene e lo dico, serenamente, da allenatore di club a ct“. Ennesimo litigio di Mourinho, quello con Lippi ci mancava.

I Video di Calcioblog