Andrea Agnelli ha commentato piuttosto sarcasticamente la “puntualità” dell’uscita dell’informativa che la Procura di Torino ha mandato a quella di Cremona per quanto riguarda Gianluigi Buffon.

Il portiere avrebbe consegnato 14 assegni ad Alfieri, proprietario di una ricevitoria compresa di punto scommesse a Parma, per cifre comprese tra 50mila e 200mila euro, arrivando alla cifra finale di 1.585.000. Il periodo in oggetto va dal gennaio al settembre 2010. Il presidente della Juventus Andrea Agnelli difende così il portiere bianconero e della Nazionale nell’intervista a La Stampa, di cui il sito del giornale ha fornito un’anticipazione:

“Gigi Buffon è un atleta assolutamente leale e non ha bisogno di arrivare a situazioni di scommesse per fare quadrare nulla. Quello che sicuramente è singolare, è che questa informativa esca oggi. Il fatto poi che Buffon non sia neppure indagato, stupisce doppiamente. Così come è singolare e grave, che oggi venga pubblicata l’iscrizione di Bonucci nel registro degli indagati da parte di Cremona, trasmessa a Bari, dove si trovano anche nomi di persone che, a oggi, sono state sentite solo come semplici testimoni”.

Foto | © TMNews

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


L’intercettazione del presunto ricatto di Sculli a Luca Toni

Highlights Germania – Israele 2-0 | Video Amichevoli Nazionali