Una notizia del genere, due anni fa, sarebbe passata inosservata probabilmente anche nella stessa Russia; se oggi però ci sentiamo in dovere di riportare che l’Anzhi Makhachkala ha scelto il nuovo allenatore e che questo sarà Yuri Krasnozhan è perché il club del Daghestan è ormai diventato famoso in tutto il mondo e, per di più, da mesi a questa parte ha iniziato a corteggiare giocatori e allenatori di primissimo piano. Dopo l’esonero di Gadzhi Gadzhiev, lo scorso 29 settembre, ad allenare Eto’o, Zhirkov, Roberto Carlos e gli altri ci aveva pensato il vice di Gadzhiev, Andrei Gordeev, coadiuvato dallo stesso terzino brasiliano; i risultati però non sono stati brillanti tanto che l’Anzhi ha finito a -13 dalla capolista Zenit San Pietroburgo e a marzo, quando comincerà la fase finale della Russian Premier League, non sarà una passeggiata recuperare questo enorme gap.

Guus Hiddink e Marcello Lippi, ma anche Fabio Capello e Carlo Ancelotti, tanti sono stati i nomi accostati alla panchina dell’Anzhi che alla fine ha stupito tutti e ha optato per una scelta all’interno dei confini, seppur enorme, nazionali: Yuri Krasnozhan, 48enne che ha da sempre legato il suo nome allo Spartak Nalchik (dove è nato, ha giocato come calciatore e ha allenato per 6 anni inserendolo stabilmente nell’elite del calcio russo) tanto che proprio un anno fa aveva tentato l’esperienza alla Lokomotiv Mosca venendo subito esonerato. Un azzardo, dunque, ma i vertici di Makhachkala amano rischiare almeno a sentire le parole del vice presidente del club German Chistyakov:

“Siamo fiduciosi di avere fatto la scelta giusta. Krasnozhan ha dimostrato la sua professionalità in tutti i club dove ha lavorato. Nutre una vera passione per il calcio ed è un grande professionista. Confidiamo che la sua esperienza e conoscenza ci aiutino a progredire”.

Il diretto interessato, d’altro canto, ha accettato la sfida e incontrerà i suoi nuovi giocatori l’8 gennaio a Mosca prima di partire per il ritiro negli Emirati Arabi per preparare la fase finale di stagione. Per il momento si è limitato a dire: “Ringrazio la società per la fiducia riposta in me. L’Anzhi è diventato un club molto seguito sia in Russia che all’estero“. E ora si aspettano i prossimi acquisti.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Marcello Lippi notizie samuel eto'o tutto il calcio estero

ultimo aggiornamento: 27-12-2011


Milan, umori a confronto: Thiago Silva raggiante, le frecciatine di Pato

Scelti i finalisti del Pallone d’Oro sudamericano: Vargas sfida Neymar e Ganso