Nella serata in cui Zlatan Ibrahimovic sfodera finalmente una prestazione all’altezza della sua fama nella massima competizione continentale, il Barcellona spreca una grande occasione per chiudere già nel primo incontro il discorso qualificazione, facendosi rimontare due reti da un Arsenal mai domo, che sarà comunque costretto ad una vera e propria impresa tra una settimana al Camp Nou. Il 2-2 finale premia forse in maniera eccessiva gli inglesi, comunque bravi a non mollare in un momento nel quale gli avversari avevano dato l’impressione di poter dilagare.

Nel primo tempo, i catalani dominano in lungo e in largo, offrendo sprazzi di grande calcio, ma si trovano avanti un Almunia in serata di grazia che nega il gol agli uomini di Guardiola in almeno tre occasioni. La ripresa si apre subito con il vantaggio messo a segno da Ibrahimovic con uno splendito pallonetto su lancio lungo di Piqué. Al quarto d’ora, lo svedese concede il bis, ancora lanciato in profondità, questa volta da una sontuosa giocata di Xavi, che l’ex nerazzurro conclude con un destro violento sul primo palo che non lascia scampo all’estremo difensore avversario.

La fotogallery di Arsenal – Barcellona


Sembra finita, con gli spagnoli padroni del campo e il pubblico di casa sotto choc, ma i ragazzi di Wenger reagiscono con una grande prova d’orgoglio. Prima il gioiellino Walcott accorcia le distanze con una grande azione personale, poi, a cinque minuti dal termine, Fabregas si guadagna il calcio di rigore, trasformato da lui stesso, che costa anche l’espulsione al capitano blaugrana Puyol. Nei minuti conclusivi i Gunners cercano addirittura la vittoria, ma devono alla fine accontentarsi di un pari che lascia comunque accesa qualche speranza per loro in vista del match di ritorno.

IL TABELLINO:

ARSENAL (4-3-3): Almunia; Sagna (65° Walcott), Gallas (43° Denilson), Vermaelen, Clichy; Diaby, Fabregas, Song; Nasri, Bendtner, Arshavin (28° Ebouè). A disposizione: Fabianski, Campbell, Rosicky, Eduardo. Allenatore: Wenger.

BARCELLONA (4-3-3): Valdes; Daniel Alves, Puyol, Pique, Maxwell; Xavi, Busquets, Keita; Messi (86° Milito), Ibrahimovic (76° Henry), Pedro. A disposizione: Pinto, Marquez, Tourè, Jeffren Suarez, Krkic. Allenatore: Guardiola.

ARBITRO: Busacca (Svi).

MARCATORI: Ibrahimovic al 46° e al 59°, Walcott al 69°, Fabregas su rigore all’85°.

AMMONITI: Arshavin, Song, Fabregas, Pique, Ebouè, Diaby.

ESPULSO: Puyol all’82°.






















Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG