Dopo i patteggiamenti nella giornata di ieri oggi sono state comunicate le richieste del procuratore Stefano Palazzi per quanto riguarda la prima tranche di club e giocatori coinvolti nel calcioscommesse (poco fa la Commissione Disciplinare, con il parere favorevole della Procura federale, ha accettato l’istanza di patteggiamento inoltrata dall’ex calciatore del Mantova Tomas Locatelli comminandogli una squalifica di due anni).

Per i calciatori spiccano i cinque anni di squalifica più preclusione in continuazione richiesti per i tesserati Mario Cassano, Nicola Santoni, Luigi Sartor e Alessandro Zamperini, responsabili secondo l’accusa di aver costituito un’associazione finalizzata alla commissione di illeciti. Le altre richieste per i tesserati:

Andrea Alberti 3 anni e 6 mesi, Mirko Bellodi 3 anni; Davide Careni 3 anni e 6 mesi, Mario Cassano 5 anni più preclusione, Edoardo Catinali 3 anni e 9 mesi, Roberto Colacone 4 anni, Luigi Consonni 1 anno per omessa denuncia, Alberto Comazzi 4 anni, Achille Coser 3 anni, Federico Cossato 3 anni e 6 mesi, Filippo Cristante 3 anni, Franco De Falco (dirigente) 4 anni e 6 mesi, Nicola Ferrari 3 anni, Riccardo Fissore 3 anni e 9 mesi, Luca Fiuzzi 4 anni, Alberto Maria Fontana 3 anni e 6 mesi, Ruben Garlini (tecnico) 3 anni, Andrea Iaconi (dirigente) 4 anni e 6 mesi, Vincenzo Iacopino 3 anni e 6 mesi, Vincenzo Italiano 3 anni, Thomas Hervè Job 4 anni e 6 mesi, Giuseppe Magalini (dirigente) 4 anni, Salvatore Mastronunzio 4 anni e 6 mesi, Maurizio Nassi 4 anni, Gianluca Nicco 3 anni, Marco Paoloni 6 mesi in continuazione, Cesare Gianfranco Rickler Del Mare 3 anni 6 mesi, Gianni Rosati (collaboratore società) 4 anni, Nicola Santoni (tecnico) 5 anni più preclusione in continuazione, Vincenzo Santoruvo 3 anni, Maurizio Sarri (tecnico) 1 anno, Luigi Sartor 5 anni più preclusione, Alessandro Sbaffo 3 anni e 3 mesi, Mattia Serafini 3 anni e 6 mesi, Rijat Shala 3 anni e 6 mesi, Mirko Stefani 4 anni, Daniele Vantaggiato 3 anni, Nicola Ventola 3 anni e 6 mesi, Alessandro Zamperini in continuazione 5 anni più preclusione.

Le richieste per le società:

Novara: sei punti di penalizzazione da scontare secondo il principio dell’afflittività, cinquantamila euro di ammenda e l’esclusione dalla prossima Coppa Italia. Cinquantamila euro di ammenda per la Sampdoria per la responsabilità oggettiva nell’attività illecita commessa da Cristian Bertani. Ventisette punti di penalizzazione per l’Albinoleffe da scontare secondo afflittività (da scontare nell’ultimo o nel prossimo campionato) e novantamila euro di ammenda. Cinquantamila euro di ammenda per il Siena per la responsabilità oggettiva dell’attività illecita commessa da Filippo Carobbio. Per il Pescara chiesti due punti di penalizzazione da scontare secondo il principio dell’afflittività.

Dura la reazione dell’avvocato della Sampdoria, Giulia Bongiorno:

Questa non è responsabilità oggettiva, ma surreale. Riconosciamo l’autonomia della giustizia sportiva – ha argomentato il legale del club blucerchiato nella sua arringa davanti alla Commissione Disciplinare -, ma l’arbitrio no. Dovete fissare dei paletti, altrimenti le società hanno l’impossibilità di acquistare i giocatori perché non conoscono il loro passato”. “Durante le visite mediche occorre fare anche degli interrogatori sui comportamenti precedenti?

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

calcioscommesse in evidenza notizie stefano palazzi

ultimo aggiornamento: 01-06-2012


Caso Buffon, parla il suo avvocato: “È stata un’imboscata”

La provocazione di Prandelli: “Se volete all’Europeo non ci andiamo”