Non si vive un bel momento in casa Foggia: la squadra, inserita nel Girone A della Prima Divisione di Lega Pro, è invischiata a metà classifica (con due punti di penalizzazione) e nell’ultimo turno è incappata in un inatteso ko casalingo contro il Tritium (gol di Sinato all’85° minuto); il pubblico ultimamente ha preso a contestare i giocatori in campo durante le partite; in più la stampa sottolinea spesso e volentieri i limiti della squadra di Paolo Stringara. Così si è arrivati al triste e increscioso episodio accorso ieri al 33enne portiere dei pugliesi Paolo Ginestra: al termine dell’allenamento in quel di Ordona, un gruppo di sedicenti tifosi foggiani ha avvicinato l’estremo difensore dei rossoneri con la scusa di rivolgergli due parole in merito alla situazione della squadra, salvo poi colpirlo in due occasioni con dei pugni in pieno volto. Ginestra è scappato verso l’antistante cimitero inseguito da alcuni balordi evidentemente fuori di testa.

Trasportato in ospedale gli è stato diagnosticato un trauma cranico e un edema all’occhio destro con 10 giorni di prognosi: “Ho temuto il linciaggio, sono sconvolto, non so se tornerò. Sono schifato, contestazioni c’erano già state ma non credevo che si arrivasse a questo punto, anche se so che Foggia è una città piena di problemi. Mi vergogno del clima che c’è intorno alla squadra, siamo stati insultati per tutto il tempo, cosa c’entriamo noi se ce l’hanno con Casillo?” ha detto ieri a caldo il portiere che oggi è tornato nella sua città, Pesaro, annunciando che non sa se tornerà in Puglia per continuare la stagione. Il capitano del Foggia Riccardo Perpetuini ha espresso la sua solidarietà verso il compagno: “In questo momento la squadra si sente molto vicina a Paolo. Tutti noi speriamo che receda dalla volontà di andare via e che continui a darci ancora una mano“.

L’allenatore Stringara, che ieri ha parlato a caldo in conferenza stampa, ha condannato come ovvio l’episodio: “Sono cose che niente hanno a che vedere con il calcio. Certo, venivamo da tre partite brutte, dove avevamo giocato male, ma proprio prima della seduta avevo detto alla squadra che dovevamo rialzarci. Adesso dobbiamo tutti impegnarci per abbassare la tensione“. Ma a mettere pepe alla vicenda è stato il patron Pasquale Casillo; mentre il giovanissimo figlio Gennaro aveva diplomaticamente dichiarato che “è assurdo, una cosa del genere non doveva succedere“, il padre ha irrotto in sala stampa mentre parlava Stringara accusando i giornalisti di aver fomentato la situazione.

Pronta la replica dell’Unione stampa sportiva della Puglia (Ussi) che tramite una nota ha ripreso Casillo senior:

“La sezione regionale pugliese dell’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) ha stigmatizzato e condannato l’atteggiamento inopportuno e aggressivo della dirigenza dell’U.S.Foggia ed in special modo del sig. Pasquale Casillo, il quale nel pomeriggio di oggi si è reso protagonista di un increscioso episodio verificatosi nella sala stampa dello stadio Zaccheria. Il patron rossonero, con fare minaccioso ed a tratti verbalmente violento ha prima accusato la stampa di aver fomentato le frange violente della tifoseria e poi ha cacciato in malo modo i giornalisti presenti, interrompendo la consueta conferenza stampa del martedì, tenuta dall’allenatore Paolo Stringara”.


La nota poi si conclude in questa maniera:

“I giornalisti sportivi chiedono che venga ricambiata la professionalità ed il rispetto che fino ad oggi hanno garantito alla dirigenza rossonera. Ci si auspica che venga ristabilito il giusto clima di collaborazione nel rispetto dei ruoli. La stampa sportiva ha sempre dimostrato di svolgere il proprio ruolo con equilibrio e professionalità e non merita attacchi di questo genere. Nel mondo del calcio si vivono spesso momenti di tensione e gli addetti ai lavori devono avere le capacità professionali e caratteriali per saperli gestire. Al fine di ristabilire una proficua e serena collaborazione tra le parti, l’USSI auspica che l’U.S.Foggia trovi il modo di fare pubblica ammenda e manifestare le proprie scuse per il comportamento della propria dirigenza, così da lasciarsi alle spalle l’increscioso episodio”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

foggia Lega Pro notizie

ultimo aggiornamento: 29-02-2012


Mondiali Brasile 2014: eliminate Cina e Arabia Saudita, la situazione in giro per il mondo

Highlights Italia-USA 0-1 | Video Gol Amichevole