Finalmente arriva il giorno anche del Brasile di Carlos Dunga. Stasera sarà il match dei verdeoro contro la Corea del Nord a chiudere la giornata del Mondiale. I sudamericani sono favoriti d’obbligo, soprattutto guardando il livello tecnicamente basso fino ad ora mostrato dalle altre pretendenti, ma nonostante questo c’è un clima di tensione fra il Ct e la stampa brasiliana.

Sono contestati i suoi metodi, le sue convocazioni con “pochi attaccanti”, gli allenamenti a porte chiuse per provare schemi e tattiche che i giornalisti temono “troppo difensiviste” per la tradizione brasiliana.

Gli allenamenti privati ci sono serviti per provare molte volte gli schemi e le giocate senza avere tutta quella gente intorno. Per il Brasile è stata una cosa inconsueta, ma almeno vi ho dato qualcosa di nuovo da scrivere. Non direi che il Brasile si è italianizzato, ma piuttosto che sono le squadre italiane ad essersi brasilianizzate. Pensate all’Inter che ha il nostro capitano Lucio e gli altri: prima che ci fossero loro non vinceva la Champions da più di 40 anni. Sento il brivido dell’emozione. Ho giocato tre Mondiali, ho alzato la Coppa nel 1994 ma l’emozione arriva sempre. Da allenatore le responsabilità sono maggiori ma è più grande anche la gioia in caso di vittoria. Noi poco creativi? Da quando ci sono io abbiamo segnato più di cento reti incassandone 30, quindi cosa c’è di sbagliato?

Per prepararvi alla sfida fra Brasile e Corea del Nord potete dare un’occhiata alle quote, analizzate come di consueto da Betsblog, con i nostri pronostici per la sfida che si spera sia finalmente ricca di gol in un Mondiale per il momento piuttosto deludente.

Le Quote di Bwin per Brasile – Corea del Nord




Le immagini dei convocati del Brasile



Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Inter, Rafa Benitez si presenta: “Nessuna rivoluzione, qui per continuare a vincere”

Sondaggi, per le single europee gli Azzurri sono i più belli