Se l’Italia non ride la Francia è totalmente nel caos. Dopo l’allontanamento di Nicolas Anelka per il litigio con Domenech, le dichiarazioni del capitano Evra che ha parlato di una “spia” che ha riferito del diverbio alla stampa, oggi si è consumata un’altra giornata drammatica nel ritiro. I giocatori hanno emesso un durissimo comunicato, che potete leggere qui, e deciso di non allenarsi. Nella mattinata lo stesso Evra era arrivato allo scontro fisico con il preparatore atletico Robert Duverne, i due erano stati separati da Domenech.

Tutti i giocatori della nazionale francese, senza eccezione vogliono affermare il loro dissenso con la decisione presa dalla Federazione francese calcio di escludere Nicolas Anelka. Ci rammarichiamo per l’incidente avvenuto nell’intervallo di Francia-Messico ma ci rammarichiamo ancora di più per la divulgazione di un fatto che appartiene soltanto al gruppo ed è inerente alla vita di una squadra di alto livello. Su richiesta del gruppo, il giocatore accusato ha avviato un tentativo di dialogo. Ci rammarichiamo che tale tentativo sia stato completamente ignorato. Da parte sua la Federazione non ha mai provato a proteggere il gruppo. Ha preso una decisione senza consultare i giocatori, unicamente sulla base dei fatti riportati dalla stampa. Di conseguenza, per sottolineare il proprio dissenso rispetto all’atteggiamento adottato dalle più alte istanze, tutti i giocatori hanno deciso di non partecipare alla seduta programmata oggi. Siamo coscienti delle nostre responsabilità, quelle di portare i colori del nostro paese, e quelle che abbiamo rispetto ai nostri tifosi, agli insegnanti, ai volontari e a innumerevoli bambini che hanno i Bleus come modello. Non dimentichiamo nulla dei nostri doveri faremo tutto individualmente e sul piano collettivo perché la Francia ritrovi il suo onore martedì con una prestazione finalmente positiva.

Si segnala un altro violento litigio fra Gourcuff e Ribery. La giovane stellina, messa ai margini dal gruppo, ha accusato Ribery di scarso impegno e si è reso necessario l’intervento di Toulalan per evitare che i due venissero alle mani. Situazione tragicomica con il delegato della Federazione che dopo le botte fra Evra e Duverne si è dimesso parlando di “cose mai viste, una vergogna senza precedenti“.


Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG


Italia – Nuova Zelanda 1-1 alla fine del primo tempo, rigore di Iaquinta

Italia – Nuova Zelanda 1-1: poca roba questi azzurri