La giornata appena conclusasi è stata di grande tensione per i tifosi della Roma. I sostenitori della squadra giallorossa, dopo aver assistito agli ultimi, infruttuosi, sviluppi delle vicende societarie con l’ennesima fumata nera nei confronti del gruppo guidato dall’agente Fifa Vinicio Fioranelli, hanno deciso di scendere in piazza per far sentire la loro voce. Nelle ultime 24 ore nella città serpeggiava questa idea di contestazione e alla fine oggi si è arrivati alla protesta vera e propria (Fotogallery).

Un gruppo di circa 500 romanisti si è ritrovato sotto la sede della banca Unicredit intorno alle 15 del pomeriggio di oggi. La protesta si è svolta in maniera del tutto pacifica, solo in qualche momento la tensione è salita ma senza mai creare problemi di sorta. L’istituto di credito, secondo i sostenitori della Roma, è il vero responsabile della mancata vendita della società in quanto sta facendo un gioco d’ostruzione. Non è mancato quindi uno striscione contro l’amministratore delegato di Unicredit Alessandro Profumo: “Profumo, se non vendi puoi dire addio al conto di due milioni di romanisti”.

Ma anche Rosella Sensi e la Italpetroli sono stati bersaglio delle critiche, un coro intonato recitava: “Rosella Sensi, bla bla bla…”. La linea di pensiero del popolo romanista è chiara: la Roma deve essere venduta in tempi brevissimi, anche perché se la situazione non si sblocca non lo farà neanche il mercato ed è impossibile calcolare le conseguenze, tanto sportive quanto economiche, che potrebbero esserci in caso si realizzasse questa evenienza. Intanto il diretto interessato, Vinicio Fioranelli, ha ribadito che le garanzie economiche fornite fino a questo momento sono di tutto rispetto con un cifra superiore ai 200 milioni di euro per il 67% del pacchetto azionario. Lo stesso si è comunque detto fiducioso, non resta che aspettare.



La contestazione dei tifosi della Roma







Foto | Corriere dello Sport

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG


Moggi pronto a tornare nel mondo del calcio, contatti con il Bologna. Ma i tifosi emiliani sono infuriati…

Presentazione “galactica” per Kakà al Real Madrid: indosserà la maglia numero 8