L’Inter è Campione d’Italia 2009/10. Il quinto titolo consecutivo, quarto sul campo, come soltanto Juventus e Torino negli anni ’30 e ’40, un secolo fa. I nerazzurri conquistano lo scudetto all’ultima giornata, così come un paio di stagioni fa a Parma e dopo aver dato l’illusione ai tifosi della Roma di poter compiere l’impresa. Il gol di Vucinic a Verona, poi quello di De Rossi. Una mezzora da campioni d’Italia virtuali, uno scudetto che Diego Milito (il vero fattore di questa Inter) si ricuce sulla maglia con la 22esima rete del suo campionato.

Scudetto meritato anche e soprattutto perché sofferto, con sorpasso e contro sorpasso, con il contemporaneo grande cammino in Champions League che ha riportato i nerazzurri in finale dopo 38 anni di estenuante attesa. Il merito della Roma di Ranieri è di aver approfittato del calo dei nerazzurri trovando una continuità che lo scorso anno era stata solo della squadra di Mourinho, ma non è bastato e le lacrime di Totti e compagni a Verona sono amarissime.

Mourinho ha guidato i suoi alla seconda vittoria della stagione nonostante Ranieri abbia fatto più punti di lui, almeno da quando è arrivato sulla panchina dei giallorossi alla terza di campionato, e al fischio finale sembrava più teso che felice, nel giro di campo dopo la premiazione sembra quasi commosso. Lui lo sa, la finale di Madrid è la partita che può farlo entrare nella storia con la sua Inter. Intanto però c’è da fare festa, il campionato è vinto.

Le Foto della festa e della premiazione dell’Inter




Le Foto di Siena – Inter 0-1




I Tifosi in Piazza Duomo




Le Lacrime di Totti




Le Foto di Siena – Inter 0-1



















































Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Corsa Champions, la spunta la Samp che vince col Napoli: inutile la vittoria del Palermo contro l’Atalanta

Il Video della Premiazione per il 18° Scudetto dell’Inter