In occasione della presentazione delle nuove Adidas AdiPURE e Predator_X abbiamo intervistato Milito e Cambiasso, ecco le domande e risposte.

Questo evento è stato pensato per blogger e stampa online, cosa ne pensate di Internet?

Internet è uno strumento utile e ho anche un sito ufficiale che aggiorno regolarmente con il mio staff – dice Cambiasso – ma non cercatemi su Facebook e Twitter, non sono io.

Milito al Napoli, tempo fa abbiamo sentito delle voci di un trasferimento, cosa ci puoi dire?

Si, c’è stato un avvicinamento quando ero al Genoa, ma non si è poi trasformato in un trasferimento.

Domanda classica: Roma e Milan, chi temete di più?

Entrambi in coro: Chiaramente l’Inter!









Tra gli argentini, secondo voi, chi è il centrocampista emergente più forte?

Parlando di centrocampisti è difficile dirlo perché un giocatore forte in questo ruolo si vede solamente nel momento della maturità, almeno dopo i 23/24 anni.

Usate un paio di scarpe nuove ogni partita?

No, sono stato tentato ma mi sembrava un po’ troppo ma non è vero neanche che teniamo sempre le stesse scarpe per scaramanzia. Bisogna cambiarle quando cedono e perdono in prestazioni perché altrimenti è come se un pilota di F1 utilizzasse sempre la stessa macchina per tutta la stagione.


Dopo aver eliminato il Chelsea la Champions League è potenzialmente più vicina, ma gli sforzi richiesti stanno minando i risultati in campionato, è così? Quale dei due obiettivi è più importante per voi?

L’impegno è massimo in ogni occasione e l’obbiettivo è sempre la partita successiva, senza guardare alla meta finale. Il rendimento più basso in campionato è quello che è, siamo persone e i risultati dipendono direttamente dalla forma di tutta la squadra.








Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Italia, toto-allenatore per il dopo Lippi: chi al posto del viareggino dopo i mondiali?

Copa Libertadores, Juan Arich-Estudiantes: goal dalla lunghissima distanza di Rodrigo Brana