Un sussulto in una assolata domenica pomeriggio, la Juve torna al successo non giocando la miglior partita stagionale contro una tignosa Atalanta, ma comunque offrendo una prova sostanzialmente diversa rispetto alle ultime, seppur infarcita dai soliti errori e da una condizione fisica non eccelsa. In vantaggio col nono gol stagionale di Del Piero, il primo su calcio di punizione, la Vecchia Signora ha accusato il solito calo di concentrazione sulla sirena della prima frazione e ha consentito ad Amoruso di portare il risultato in parità. Poi la ripresa, con gli uomini di Mutti desiderosi di mettere alle corde gli avversari che alla distanza escono fuori con orgoglio e col brio di Giovinco, fino a trovare il gol della vittoria col contestato Felipe Melo. Boccata d’ossigeno per i bianconeri, gli orobici accusano un brutto stop (TabellinoPagelleFotoVideo).

Questa Juve ha abituato i suoi tifosi a partenze in quinta, non va così però oggi perché gli ospiti sono ben messi in campo e determinati a non concedere molto spazio agli avanti bianconeri; Tiribocchi e Amoruso sono mobili, ma la vera spina nel fianco per i ragazzi di Zac si chiama Jaime Valdes: il cileno salta sistematicamente Zebina e mette scompiglio nella non sempre impeccabile retroguardia avversaria. Il primo tempo non è bellissimo, ravvivato da una gemma di Del Piero dopo un paio di occasioni con Tiribocchi e Trezeguet; ma è il capitano juventino a far davvero sul serio con una punizione stratosferica dai trenta metri su cui non può nulla Consigli. Padoin, Peluso e Valdes cercano di scuotere i nerazzurri, ma è al 46° che si concretizza la rimonta orobica: dorme Grosso sul lancio di Padoin, Amoruso raccoglie e deposita in rete.

Le migliori immagini di Juventus – Atalanta 2-1




Nel secondo tempo accade ciò che tutti si aspettano: la Juve non corre più, imperversa l’Atalanta che ha il solo demerito di non esser per niente precisa con le conclusioni; in più si spengono a mano mano gli attaccanti, poi come lampadine a uno a uno qualche centrocampista e così la Juve prende coraggio, metri e speranza. Giovinco è in palla (a proposito, la formica atomica era entrata nel primo tempo per Diego, 69esimo infortunio stagionale, alla coscia destra), Del Piero il solito faticatore, Sissoko e Marchisio prendono in mano la zona nevralgica del campo. Dentro anche Felipe Melo per Candreva, poi Amauri, si intensifica il forcing che vede il suo concretizzarsi a pochissimi minuti dal termine: cross dalla sinistra del capitano e terzo tempo perfetto di Melo che esulta chiedendo scusa. Tre punti bianconeri, forse, preziosi; di certo un brutto stop per il mai domo Valdes e i suoi compagni.

Tabellino e pagelle di Juventus – Atalanta 2-1

JUVENTUS-ATALANTA 2-1 (1-1)
MARCATORI: Del Piero (J) al 30′, Amoruso (A) al 45′ s.t.; Felipe Melo (J) al 37′ s.t.

JUVENTUS (4-3-1-2): Manninger 6; Zebina 5.5, Legrottaglie 6, Cannavaro 6, Grosso 4.5; Candreva 5.5 (13′ s.t. Felipe Melo 6.5), Sissoko 6, Marchisio 6; Diego 6 (35′ p.t. Giovinco 6.5); Trezeguet 5 (26′ s.t. Amauri 5.5), Del Piero 7. (Pinsoglio, Grygera, Marrone, Paolucci). All. Zaccheroni.
ATALANTA (4-4-2): Consigli 6; Garics 5.5, Bianco 6, Manfredini 6, Peluso 6 (39′ s.t. Volpi sv); Ferreira Pinto 5 (42′ s.t. Ceravolo sv), Padoin 6.5, De Ascentis 6, Valdes 7; Amoruso 6.5, Tiribocchi 5. (Coppola, Capelli, Radovanovic, Caserta, Gabbiadini). All. Mutti.

ARBITRO: Gervasoni.
NOTE: giornata di sole, spettatori 5.000 circa. Ammoniti De Ascentis, Zebina, Peluso, Giovinco. Recupero: 3′ p.t., 3′ s.t..


Le migliori immagini di Juventus – Atalanta 2-1

























Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Napoli – Catania 1-0: Paolo Cannavaro per continuare a inseguire il sogno Champions League

Video Serie A: Sampdoria – Cagliari 1-1 del 28 Marzo 2010 – Highlights HD