Il litigio di ieri pomeriggio a Trigoria tra Luis Enrique e David Pizarro (il cileno ha abbandonato anzitempo l’allenamento nonostante i richiami del tecnico asturiano) è un ulteriore indizio, e cioè che il centrocampista è ormai promesso sposo della Juve. Se poi nella rosa della Vecchia Signora c’è un connazionale di Arturo Vidal ed è appena arrivato un tuo ex compagno di squadra alla Roma come Marco Borriello, allora gli indizi diventano così tanti che fanno quasi una prova. C’è di più, perché il succitato Vidal sponsorizza il club bianconero e non può che far venire l’acquolina in bocca ad un Pizarro ad oggi utilizzato col contagocce di Luis Enrique, anche se a Torino avrà Andrea Pirlo avanti a sé:

“È un giocatore molto bravo, non ci siamo sentiti in questi giorni, ma se me lo chiedesse gli direi di venire nella Juve. Qui c’è grande allegria, è difficile trovare un clima più sereno in una squadra. Sono stato accolto benissimo e ormai a Torino mi sento a casa. In Italia mi trovo molto bene e con la mia famiglia ho visitato Milano, Genova e altre città. E Torino la conosco benissimo”.

Per niente turbato dalle vicissitudini che l’hanno interessato negli ultimi due mesi, Arturo Vidal è raggiante e felice dell’esperienza che sta vivendo in Piemonte e da Dubai non si nasconde:

“Non so se quello della Juve è un centrocampo al top in Europa, dovete dirmelo voi. Ma di sicuro è forte, e io nella linea a tre di Conte mi trovo perfettamente a mio agio. A me piace molto il centrocampo del Barcellona e del Real Madrid, ma non va sottovalutato nemmeno quello dell’Udinese. La Serie A? Rispetto alla Bundesliga le difese sono più forti ed è più facile che una piccola squadra batta una grande. Con il Bayer Leverkusen succedeva raramente di soffrire in provincia. Segno di meno, ma il gol non mi manca: certo mi piacerebbe farne di più, ma la cosa principale è che vinca la squadra”.

Quando gli si chiede delle dieci giornate di squalifica col Cile, il numero 22 juventino è sincero (“Penso solo a lavorare bene alla Juve e di prepararmi per tornare a indossare la maglia del mio Paese quando sarà finita la squalifica“), così come quando si parla di possibile scudetto: “Spero di vincere il campionato, anche se il Milan è favorito e ci sono altri avversari come Inter, Udinese, Napoli e Roma“. Chissà se lo è anche quando afferma che “avevo scelto i bianconeri e non il Bayern o il Napoli perché indossare questa maglia era un sogno“, di solito queste sono dichiarazioni di facciata. I fatti però dicono che Vidal s’è inserito a meraviglia e che sta dando, questo senza dubbio, una grande mano alla causa juventina.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Napoli, Maggio rinnova fino al 2015: “Amo questa squadra e questa città”

Newcastle – Manchester United 3-0 | Video Gol e Highlights Premier League