Non si è ancora archiviata la sorprendente giornata di campionato che ha visto fermate entrambe le principali pretendenti allo scudetto, Juventus e Inter, che già riparte la Champions League. I nerazzurri sono impegnati in Russia contro il Rubin Kazan che nella prima gara è ben impressionato nel primo tempo prima di farsi travolgere dalla Dinamo Kiev, l’obiettivo è quello di incamerare i 3 punti per contribuire a curare quel nervosismo di José Mourinho rilevato anche dal Presidente Moratti. Lo Special One è convinto che il successo sia alla portata dei suoi uomini, sempre a patto di ripetere la prestazione casalinga contro il Barcellona. Possibile un turnover, almeno dall’inizio, con uno fra Eto’o e Milito a rifiatare in panchina e con Balotelli pronto a giocare una chance in Europa.

A Firenze, invece, sbarca la corazzata di Rafa Benitez per una gara sulla carta proibitiva per la Fiorentina. Prandelli chiede l’appoggio del pubblico, il celebre 12esimo uomo in campo, ma deve fare a meno di Alberto Gilardino squalificato per 2 giornate dopo l’espulsione rimediata contro il Lione nello scontro con Toulalan.

Così spazio alla coppia di JoveticMutu, una carta insolita visto che il tecnico viola tende ad alternare la loro presenza in campo ritenendoli simili nelle caratteristiche. Si cercherà di fare di necessità virtù. Benitez ha meno problemi, se si esclude l’assenza di Mascherano (mai vicino ai suoi livelli in questo inizio di stagione per via di un fastidio al ginocchio), ma ha bisogno di offrire una prova convincente dopo lo striminzito 1 a 0 ottenuto in casa ad Anfield contro il Debreceni, la squadra materasso del girone.

Il tecnico spagnolo vuole battere i viola e lasciarli a zero punti, una mazzata che potrebbe risultare già decisiva per le speranze di qualificazione agli ottavi della Fiorentina, già in difficoltà per le turbolenze societarie con i Della Valle che hanno dato un segnale chiaro sul “clima mutato” attorno alla squadra.

Una sconfitta non aiuterebbe a rasserenare gli animi.

Questi i 19 convocati dei viola in vista della gara:

Vlada Avramov, José ignacio Castillo, Gianluca Comotto, Dario Dainelli, Lorenzo De Silvestri, Marco Donadel, Sebastien Frey, Alessandro Gamberini, Massimo Gobbi, Martin Jorgensen, Stevan Jovetic, Per Kroldrup, Marco Marchionni, Riccardo Montolivo, Adrian Mutu, Cesari Natali, Manuel Pasqual, Juan Manuel Vargas, Cristiano Zanetti.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Lippi sotto assedio per la chiamata di Cassano prende tempo: “Aspettiamo giugno”

Marino: “Ciao Napoli, vado via con la coscienza a posto e il bilancio in attivo”