Se il mercato delle cosiddette grandi può sembrare in una fase di stallo, tante altre società sia di Serie A che della cadetteria, lavorano giorno dopo giorno per puntellare come meglio credono le proprie rose. Molto attiva in questi giorni è la Fiorentina che prima s’è assicurata Cesare Natali dal Torino (prelevandolo a titolo definitivo) quindi oggi ha esaudito il desiderio di Prandelli facendogli ritrovare un suo vecchio pupillo, Marco Marchionni: il laterale ormai ex Juve arriva in Toscana con la formula della comproprietà (2 milioni di euro il prezzo di metà cartellino), vestirà viola per tre anni a circa 1,2 milioni di euro a stagione.

Altri difensori che cambiano maglia: sono ufficiali i passaggi di Hernan Dellafiore dal Palermo (via Toro) al Parma, mentre il club di Cairo si rinforza acquisendo il prestito di Simone Loria dalla Roma. Parla sudamericano l’Udinese che s’accaparra un cileno e un colombiano: dall’Audax Italiano ecco Fabian Orellana (attaccante), mentre dall’Indipendiente di Medellin giunge Juan Guillermo Cuadrado (laterale destro): insieme a loro Bernardo Corradi, svincolatosi dalla Reggina. Ceduto Acquafresca, il Cagliari punta forte su Nené, ultimo capocannoniere del campionato portoghese col Nacional.

Il Bari è attivo più che mai: Ventura ha avallato dal Genoa gli arrivi di Riccardo Meggiorini (24), Leonardo Bonucci (22), Matteo Paro (26) e Giuseppe Greco (26), in porta Daniele Padelli, mentre a centrocampo il sempreverde Riccardo Allegretti. Confermato Ruotolo sulla panchina del Livorno, il primo vero acquisto per Spinelli si chiama Cristian Raimondi; mentre tornando al Parma è divenuto ufficiale nei giorni scorsi l’approdo tra i ducali del francesino scuola Inter Jonathan Biabiany, l’anno passato al Modena. Chiudiamo con un colpo più che interessante della Salernitana: i campani si sono assicurati il fantasista Ciccio Cozza.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Al via il raduno del Milan. Berlusconi: “Siamo più forti dell’Inter.” Ma i tifosi contestano

Non solo povera Italia, in tutta Europa il mercato è a rilento: e dopo il Real c’è il vuoto