Martin Hansson è un arbitro svedese di 37 anni, fa parte della categoria elite della UEFA, quella a cui appartengono gli arbitri designati per le gare più importanti come appunto quelle di Champions League. Hansson ha diretto la partita tra Liverpool e Atletico Madrid disputatasi ad Anfield Road lo scorso martedì 4 novembre. Nei minuti di recupero di questa delicata sfida ha assegnato un rigore ai Reds, poi trasformato da Gerrard, che è valso il definitivo 1-1 dopo che gli spagnoli erano passati in vantaggio nel primo tempo con Maxi Rodriguez.

La decisione, inutile dirlo, fu molto contestata: la spintarella di Pernia su Gerrard non era sembrata così forte da giustificare un tiro dagli undici metri. Da quella sera il suo telefono è stato sommerso di telefonate e sms, una cosa normale a detta dell’arbitro, ma in questa circostanza spesso il tono dei messaggi era minaccioso al punto di arrivare a temere per la sua stessa vita. A questi fatti è seguita una denuncia alla polizia e l’ovvio cambio di numero di telefono.

Hansson scosso da questa vicenda ha meditato anche di abbandonare la carriera da arbitro per dedicarsi a tempo pieno a quello che è il suo lavoro, il pompiere, ma la solidarietà dei colleghi lo ha convinto a continuare. Sarebbe stato un vero peccato visto che fa parte della lista di fischietti in lizza per i mondiali del 2010. Non ha potuto comunque esimersi dal commentare amareggiato l’accaduto spiegando come in Svezia storie di questo tipo negli ultimi anni sono diventate fin troppo comuni; la responsabilità, a suo modo di vedere, è anche e soprattutto della stampa che enfatizza troppo le decisioni arbitrali sbagliate trascurando completamente quelle migliori.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Real Madrid: Calderon al veleno sull’ex presidente Florentino Perez e sull’ingordigia sessuale di Cassano

Dasmarias e Bebeblog: tornano all’assalto le ragazze di Blogo.it