Udinese, Portsmouth, Inter (parentesi al Sunderland) e infine Milan: secondo Sulley Muntari, di recente passato dall’altro lato dei Navigli, si tratta di un escalation. Che i tifosi dell’Inter non l’abbiano mai amato è cosa nota; eppure il ghanese qualcosina ha fatto per la causa nerazzurra: gol subito all’esordio in Supercoppa Italiana contro la Roma, quindi gol qua e là con dei picchi nella stagione 2008/09 (sua la rete che consentì al Biscione di battere la Juve per 1-0 a San Siro). Eppure, come detto, quando nel settembre scorso rilevò Forlan contro la Roma all’81° minuto fu sommerso dai fischi dei propri tifosi, che nel marzo del 2010 arrivarono quasi a detestarlo quando in quel di Catania, appena entrato in campo, si fece espellere e procurò il rigore del 2-1 per gli etnei.

Insomma, poco amore e tanto odio nella storia a tinte nerazzurre tra Muntari e l’Inter, tanto che ora il centrocampista, appena tornato dalla Coppa d’Africa cui ha partecipato con il Ghana, ha mostrato tutto il suo entusiasmo per il trasloco dalla Pinetina a Milanello. E a Sky Sport ha definito questo passaggio un salto di qualità:

“Sono molto emozionato di essere passato dall’Inter al Milan, è incredibile, è un salto importante per la mia carriera. Questa squadra è unica, è quella che ha vinto di più al mondo. Arrivo con molto entusiasmo per fare bene e vincere. Faccio il mio lavoro e il mister poi deciderà dove farmi giocare, ma io sono completamente a disposizione. Se sono nella squadra più forte d’Italia? No, sono nella squadra più forte del mondo”.

Parole che ben si abbinano al noto ego milanista. Ma al contempo tendono a sminuire l’Inter che inferiore ai cugini rossoneri proprio non si sente. Tra sassolini da cacciare via dalle scarpe e necessità di strappare un prolungamento al club di Via Turati (il giocatore è in prestito secco fino a giugno), Muntari ha scelto le parole migliori. Però ora c’è il campo: per fortuna il calcio, alla fine, si gioca.

Foto | © TMNews

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Inter Milan personaggi Sulley Muntari

ultimo aggiornamento: 16-02-2012


Juve: Krasic sempre più vicino allo Zenit San Pietroburgo

Viareggio Cup 2012, risultati dei quarti di finale: Fiorentina – Roma e Juventus – Parma le semifinali