E’ arrivata poche ore fa dalla Russia l’ufficialità dell’ingaggio da parte dell’Anzhi del tecnico olandese Guus Hiddink, che torna così nel paese dove tra il 2006 e il 2010 aveva allenato la nazionale, centrando anche una semifinale all’Europeo del 2008. Sfuma dunque la possibilità di un passaggio alla compagine del Daghestan di proprietà del magnate Suleyman Kerimov di Fabio Capello, dimessosi di recente dalla guida dell’Inghilterra in seguito ai contrasti con la federazione inglese sulla gestione del caso Terry.

L’olandese, vero e proprio “zingaro” del mondo del calcio, avendo allenato nel corso della sua quasi trentennale carriera otto differenti squadre di club e cinque nazionali, ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2013 per la cifra record di dieci milioni di euro netti a stagione, che gli garantirà anche ampi poteri in fatto di mercato e il ruolo di vicepresidente della squadra. Queste le prime parole di Hiddink da Belek, in Turchia, dove la squadra è in ritiro per prepararsi alla seconda fase del campionato:

“Ho parlato a lungo con l’Anzhi alla fine del 2011 e per me è stato facile prendere ora una decisione. Sono felice di poter cogliere questa opportunità, non solo di lavorare in questa squadra ma anche al fianco di amici. Mi ha convinto il grande progetto di far crescere il calcio in questo Paese, aspetto al quale darò grande attenzione e di cui ho parlato molto col presidente Kerimov. So quali sono le ambizioni della società e dei tifosi e farò tutto il possibile per soddisfarle”.

Foto | © TMNews

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

notizie personaggi

ultimo aggiornamento: 17-02-2012


Udinese: Pozzo richiama il pubblico e la società l’Ansa

Highlights Inter – Bologna 0-3 | Video Gol Serie A