Rafa Benitez non allena da un mese o poco più e già sente forte la mancanza della panchina e dello spogliatoio; si guarda intorno, aspetta una chiamata inglese, ma è in Spagna che ha i più convinti estimatori col nuovo ambizioso Racing di Santander (passato in mano agli indiani) che lo tiene d’occhio. Di certo il tecnico spagnolo dopo l’agrodolce esperienza italiana non ha smesso di buttare un occhio sulla “suaInter, così ieri è tornato sull’argomento esternando i suoi pensieri al quotidiano sportivo iberico Marca.

“Anche nei momenti più difficili non ho mai perso di vista quello che era l’obiettivo principale, il Mondiale per club. Ho voluto dimostrare in quel modo professionalità e attaccamento. Il presidente Massimo Moratti conosceva benissimo la condizione nella quale ci ritrovavamo a lavorare, per questo ha riflettuto molto prima di prendere una decisione. Nelle nostre conversazioni provate mi confidava di sperare che tutto si potesse aggiustare, ma non c’erano le condizioni per proseguire insieme. E così siamo arrivati ad un accordo”.

Sulla nuova Inter ridisegnata da Branca e Moratti, Benitez ha da dire la sua:

“Hanno preso 6 giocatori e ne hanno ceduti 5, praticamente una squadra nuova. Vedo realizzata parte del progetto che io avevo esposto alla società in estate. Avevo messo tutto per scritto ed era stato tutto approvato. Non so perché poi non è stato possibile realizzarlo, non ci potevo credere. Ma pubblicamente non mi sono mai lamentato, io dovevo solo pensare al mio lavoro e non a quello che faceva la società. Ora però con questa campagna acquisti è come se mi avessero dato ragione, la squadra aveva bisogno di quello che io avevo chiesto ad agosto”.


E prendendo spunto dall’ennesimo infortunio interista (per la cronaca Milito si è fermato per un problema muscolare e ne avrà per un mese o più), Benitez si toglie qualche sassolino dalla scarpa: “Con me la squadra ha subito sempre gli stessi infortuni. Non potevamo controllare il lavoro di staff e preparatore. Vedo che ci sono stati altri otto problemi muscolari, per cui…“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Video – Spaventosa testata all’avversario

Adriano rifiuta l’etilometro, patente ritirata