L’Alta Corte di Giustizia dello Sport del Coni, presso la quale la Juventus aveva presentato ricorso d’urgenza contro la decisione della Giustizia Sportiva di far disputare Juventus – Lecce a porte chiuse dopo i cori razzisti contro Mario Balotelli, ha sospeso la decisione del Giudice Gianpaolo Tosel. La gara di campionato si svolgerà dunque con tutti i settori dello Stadio Olimpico di Torino regolarmente aperti.

Si tratta di una sentenza di sospensione cautelare fino al 15 Maggio prossimo, il 14 dello stesso mese è stata fissato un’udienza nella quale l’Alta Corte analizzerà nel merito le motivazioni della squalifica del campo. La decisione arriva dopo la prima bocciatura del ricorso presso la Corte di Giustizia Federale della Figc di due giorni fa.

Queste le motivazioni del provvedimento che accoglie la richiesta della società bianconera di un’ulteriore analisi dei fatti.

L’Alta Corte di Giustizia composta dal presidente Riccardo Chieppa, e dai componenti, Alberto de Roberto e Roberto Pardolesi, uditi in camera di consiglio i difensori della parte ricorrente – F.C. Juventus – Luigi Chiappero, Michele Briamonte, Maria Turco, e i difensori della parte resistente – Federazione Italiana Giuoco Calcio – Luigi Medugno, Letizia Mazzarelli e Federico Freni, ritenuto opportuno acquisire la motivazione della decisione della Corte di Giustizia Federale della Figc, pubblicata solo nel dispositivo, non essendo decorso il termine relativo; considerato che la complessità della questione proposta consiglia che l’esecuzione avvenga solo dopo che questa Alta Corte possa emettere una pronuncia dopo l’acquisizione della motivazione anzidetta; riservata ogni pronuncia definitiva cautelare; sospende l’esecuzione della decisione impugnata fino al 15 maggio 2009; fissa l’udienza per l’esame della sospensiva e del merito al 14 maggio 2009 ore 18.30; dispone la comunicazione della presente ordinanza alle parti tramite i loro difensori.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Lippi insiste: “Non tornerò alla Juve”

Tanti auguri a… Christian Manfredini