Filippo Inzaghi stacca momentaneamente Raul nel computo totale dei goal segnati nelle coppe europee (65 contro 64) e lo fa nel migliore dei modi, realizzando il goal qualificazione a Portsmouth, a pochissimi istanti dal fischio finale. Già nel primo tempo il cecchino del Milan fa vedere di che pasta è fatto colpendo un palo all’11esimo. Schevchenko, schierato a fianco di Inzaghi, tenta un’incursione in area al 18esimo. Al 26esimo è ancora Inzaghi, con un pallonetto a mettere paura alla squadra di Crouch e Kanu. (Fotogallery delle due squadre italiane)

Nella ripresa accade tutto nell’ultima mezz’ora. Un cross di Johnson al 17esimo trova la testa di Kaboul che sorprende la difesa rossonera. Johnson, ancora lui, è scatenato: dopo dieci minuti entra in area dopo un dribbling e serve Kanu che ribadisce in rete. Ancelotti corre ai ripari e fa entrare Pato e Ronaldinho al posto di Kakà e Schevchenko. Al 31esimo Inzaghi colpisce un altro palo di testa ma 8 minuti dopo Ronaldinho pennella una punizione coi fiocchi che finisce sotto l’incrocio dei pali. A completare l’opera ci pensa superPippo al 47esimo con la solita caparbietà e precisione sotto porta.

Al Marassi il vento e un campo in condizioni non eccelse influiscono sullo spettacolo e sul gioco di Sampdoria e Stoccarda. I tedeschi sembrano sin da subito più tarati ed esperti ma la Sampdoria dimostra di saper tenere botta ed ottiene il decimo risultato utile consecutivo in Europa. Decisive le prossime sfide per i doriani, la prima a Liegi, la seconda, in casa contro il Siviglia. Dopo 8 minuti lo Stoccarda passa con un goal di Marica che sfrutta un’indecisione della difesa ligure. La Samp ha il merito di non demoralizzarsi nonostante la serata non proprio esaltante di Cassano. Si lotta pallone su pallone con qualche fallo di troppo. Al 38esimo Franceschini esalta le doti di Lehmann da pochi metri ma due minuti dopo arriva il pareggio di Sammarco che sfrutta una respinta corta di Boka dopo un colpo di testa di Stankevicius.

Nel secondo tempo i tedeschi si riorganizzano e creano le occasioni migliori, prima Hitzlsperger (tiro fuori di poco), poi con Gomez (colpo di testa fuori). Verso il 20esimo si rivede Cassano con un’incursione conclusa con un tiro sull’esterno della rete. Ma sono sempre i tedeschi a rendersi pericolosi in più di un’occasione. Marcia, Hitzlsperger e Pardo ci provano senza fortuna; la Sampdoria regge e porta a casa un punto prezioso (lo Stoccarda ha giocato una partita in più ed è appaiato ai doriani).

PORTSMOUTH-MILAN 2-2 (0-0)
MARCATORI: Kaboul (P) al 17’ st, Kanu (P) al 27’ st, Ronaldinho (M) al 39’ st, Inzaghi (M) al 47’ s.t.
PORTSMOUTH: James; Johnson, Kaboul, Distin, Belhadj; Little (Mvuemba dal 20’ s.t.), Bouba Diop, Hughes, Traore; Kanu (Davis dal 36’ s.t.), Crouch. (Ashdown, Hreidarsson, Pamarot, Wilson). All: Adams
MILAN: Dida; Zambrotta, Senderos, Favalli, Antonini; Gattuso (Seedorf dal 20’ s.t.), Emerson, Flamini; Kakà (Ronaldinho dal 28’ s.t.); Shevchenko (Pato dal 28’ s.t.), Inzaghi. (Kalac, Kaladze, Bonera, Pirlo). All: Ancelotti
ARBITRO: Gumienny (Belgio)
NOTE: Spettatori 20.403. Ammoniti: Antonini e Hughes per gioco scorretto. Angoli: 4-7. Recuperi: 1’ e 3’.

SAMPDORIA-STOCCARDA 1-1 (1-1)
MARCATORI: Marica (Sto) all’8′ pt, Sammarco (Sam) al 39 pt.
SAMPDORIA: Castellazzi; Lucchini (27′ st Campagnaro), Gastaldello, Accardi, Stankevicius (40′ st Ziegler), Delvecchio, Sammarco, Franceschini, Pieri, Bonazzoli (23′ st Bellucci), Cassano. (Mirante, Fornaroli, Bottinelli, Dessena). All.: Mazzarri
STOCCARDA: Lehmann; Osorio, Tasci, Boulahrouz, Magnin (12′ pt Boka ); Pardo, Hilbert, Hitzlsperger, Elson (1′ st Lanig, 30′ st Traesch), Gomez, Marica. (Stolz, Simak, Cacau, Ljuboja). All.: Babbel-Widmayer
ARBITRO: Skomina (Slo).
NOTE: spettatori 18 mila circa, incasso 302.742 euro. Ammoniti Gastaldello, Marica, Cassano, Hilbert, Pardo, Lehmann. Angoli 8-5. Recuperi 3′ e 3′.



Le foto di Portsmouth-Milan e Sampdoria-Stoccarda


































Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Cluj-Roma 1-3: Brighi e Totti per uscire dalla crisi

Mourinho continua la politica delle esclusioni eccellenti: non convocati Quaresma e Balotelli