Sensazioni e dichiarazioni ovviamente contrapposte quelle di Claudio Ranieri e Carlo Ancelotti al termine di Juventus-Milan. Il tecnico juventino sprizza euforia da tutti i pori, così come il sorprendente Del Piero che “ringrazia” la Panini per aver inserito la sua figurina nell’album dei prossimi europei (lasciando intendere che il favorito per l’ultimo posto in attacco è il bianconero). Giù di corda e polemico al punto giusto Carlo Ancelotti, che recrimina su alcune decisioni arbitrali: (fotogallery Alessandro Del Piero)

L’eventuale fuorigioco di Salihamidizic? E’ difficile affermarlo con certezza, di sicuro il fallo di Maldini da cui è scaturita la punizione dell’ultimo goal non era fallo. Era una semplice spallata. L’espulsione di Bonera? E’ un brutto intervento e l’espulsione può starci. Siamo amareggiati dal risultato, ci ha condizionato in negativo il fatto di non aver chiuso il primo tempo in vantaggio. Dobbiamo continuare così anche se ora la rincorsa al quarto posto è più difficile con 4 0 5 punti di svantaggio.

Ancelotti è poi tornato sugli argomenti che tengono banco da diversi giorni in casa Milan e che portano il nome di Ronaldihno e Shevchenko. “Il brasiliano è un grande campione che predilige la tecnica e le capacità individuali alla tattica. Shevchenko è molto simile a Pato ma questo non vuol dire che io non voglia che torni al Milan.

Ranieri:

Abbiamo battuto la squadra campione del mondo ma che sofferenza nel primo tempo! Sono entusiasta della partita e del campionato che stiamo disputando. Tiago? Ha giocato una buona partita, non era facile contro Ambrosini e Gattuso così come sono contento di Sissoko, assolutamente straordinario.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Video: Tutti i gol della 35esima Giornata di Serie B

Serie A, Trentatreesima Giornata: Risultati e Classifica