Ronaldinho continua ad essere il numero 1” parola di Frank Rijkaard. L’allenatore del Barça torna a parlare del tema “Ronaldinho” e questa volta si schiera apertamente dalla parte del fuoriclasse brasiliano dichiarando che il n 10 continua ad essere il leader dello spogliatoio e nelle gerarchie interne si posiziona in cima a tutti gli altri, perfino davanti a Leo Messi.

Non a caso l’argentino, spiega il Mister blaugrana, “quando Ronnie entra in campo cerca sempre la giocata col compagno” anche se ammette che “non deve esagerare e cercare a tutti i costi la collaborazione del brasiliano”. Emblematico è l’episodio verificatosi nel ritorno dei quarti di finale di Coppa del Re contro il Villareal quando Messi sul dischetto per tirare il penalty ha incrociato più volte lo sguardo di Ronaldinho pronto a farsi da parte se il n 10 avesse voluto prendersi la responsabilità di tirare il rigore.

Rijkaard tende la mano al crack di Porto Alegre e spera che ritrovi presto la buona condizione fisica per tornare ad essere titolare anche se ammette che il recupero dipende solo dal giocatore stesso.

“Quando un giocatore è in forma praticamente non ha problemi a scendere in campo nella squadra titolare, però in questo caso Ronaldinho giocherà di più quando avrà un sufficiente numero di allenamenti nelle gambe; ora deve lavorare per tornare ad essere un grande giocatore del Barça”.

Chiaro messaggio che il crack brasiliano difficilmente scenderà in campo dall’inizio nella gara di sabato (ore 22) contro il Siviglia nel delicatissimo anticipo della Liga visto che anche questa settimana non ha svolto tutti gli allenamenti con i compagni a causa di un botta sotto l’occhio destro rimediata domenica sera nella gara contro l’Osasuna.

Ed il futuro di Ronaldinho? Rijkaard non si sbilancia, dichiara solo che “se ne è parlato sin troppo e ora è meglio lasciar perdere; adesso serve che il giocatore reagisca e che si alleni, poi vedremo cosa succederà”.

Questo pare una sorta di ultimatum dato dal tecnico al suo giocatore più rappresentativo, perché se anche il lavoro specifico realizzato col preparatore atletico Juanjo Brau non desse i suoi frutti allora il divorzio tra Ronaldinho ed il Barça diventerebbe una realtà.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Liga Spagnola Lionel Messi Ronaldinho

ultimo aggiornamento: 07-02-2008


Drogba, Barcellona o Milan

Napoli sogna con Guti e Cannavaro