La vittoria dell’Argentina in Colombia, partita valida per le qualificazioni ai prossimi mondiali brasiliani, è stata tanto importante per la Selecion quanto infausta per uno dei giocatori dell’albiceleste, il difensore della Roma Nicolas Burdisso. Il centrale ha subito un gravissimo infortunio al ginocchio sinistro, una torsione innaturale occorsa al minuto 32 del primo tempo nel tentativo di fermare il giocatore del Porto e della Nazionale colombiana James Rodriguez: piantatosi con il piede a terra, il suo ginocchio “si è girato” facendo saltare i legamenti crociati. Fin da subito la situazione è apparsa grave, tante sono state le grida del giocatore che poi è uscito in barella tra le lacrime.

Forse anche questo triste episodio ha dato la scossa ai giocatori di Sabella, che dopo il ko del difensore avevano anche subito il vantaggio cafetero; nella ripresa poi il ribaltamento del risultato coi gol di Messi e Aguero. Ma ritornando a Burdisso, tra l’altro anche ammonito nella circostanza in cui aveva tentato di fermare Rodriguez, si pronostica un rientro in campo non prima di 6-7 mesi, la stagione a questo punto pare praticamente compromessa; brutta tegola per Luis Enrique che con Juan e Kjaer a mezzo servizio, non può che contare su Heinze per il reparto arretrato (contro il Lecce nel posticipo di domenica sera giocherà verosimilmente insieme al danese). Dunque sosta per niente felice per i giallorossi in nazionale: Pjanic fuori dagli Europei, Stekelenburg impallinato dal laziale Klose, De Rossi e Osvaldo ko con l’Italia: al rientro a Trigoria, Enrique dovrà lavorare anche sul lato psicologico.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Sampdoria, Iachini si presenta: “Dobbiamo puntare alla Serie A”

La risposta di Agnelli a Petrucci: “Facciamo un tavolo politico e troviamo una soluzione”