La partita fra Roma e Manchester UTD non era quella che i giallorossi in cuor loro desideravano: una sfida decisiva almeno per determinare il leader nella classifica del girone, meglio ancora 90 minuti nei quali battere i diavoli rossi ed eliminarli dalla Coppa. Sir Alex Ferguson dimostra di aver recepito pienamente il carattere di “pura esibizione” della partita e manda in campo una squadra di riserve per dieci undicesimi. (FotogalleryVideo)

Spalletti da parte sua non deve preoccuparsi della supersfida con il Liverpool (quella che il Manchester dovrà affrontare domenica), ma la trasferta di Torino non consente passi falsi e cerca di dosare le forze risparmiando alcuni titolari. Prima del fischio d’inizio arrivano le brutte notizie degli scontri fra tifosi con alcuni accoltellati, si chiarirà solo nella tarda serata che la responsabilità delle violenze ricade principalmente sugli esagitati supporters inglesi, anche loro evidentemente a caccia di “vendette”, purtroppo non sportive.

Sul campo nel primo tempo la Roma non brilla, nonostante riesca a trovare un gol di Totti annullato per fuorigioco, così le riserve del Manchester, determinate a mostrare le loro qualità all’allenatore, si fanno via via sempre più intraprendenti. La difesa giallorossa soffre e su un calcio d’angolo si fa infilare dal difensore spagnolo Piquè che anticipa un Mexes sempre più preoccupante nelle sue amnesie.

La Roma comunque c’è e lo dimostra con una reazione rabbiosa che produce una serie di limpide palle gol sulle quali Esposito si rivela nuovamente “sprecone” mentre un Mancini motivato dai rimbrotti di Spalletti in settimana coglie la traversa. Rivelazione della serata il giovanissimo laterale portoghese Antunes, arrivato alla fine del mercato estivo dopo essere stato strappato in una lunga trattativa alla concorrenza della Juventus.

Nella ripresa la partita si fa divertente con la Roma ancora alla ricerca del pareggio e il Manchester che prova a pungere in contropiede. Spalletti inserisce De Rossi e Vucinic, ma il montenegrino ha ancora “le polveri bagnate” dalla pioggia di Livorno e non riuscirà ad iscrivere il suo nome del tabellino dei marcatori colpendo “solo” un palo nel finale.

Gli va meglio in versione assistman: è suo l’appoggio per Mancini che trova un gol fantastico con un tiro a giro scoccato appena dentro l’area di rigore imparabile per Kuszcak, vice di Van Der Sar. Il pareggio diventa subito stretto alla Roma con il pubblico che spinge per completare la rimonta togliendosi la soddisfazione della “vendetta platonica” dopo il 7 a 1 dello scorso, ma il già citato palo di Vucinic e la successiva imprecisione in un’occasione ancora più ghiotta del vice-Totti lasciano il punteggio immutato.

Sarà per una volta, magari, chissà, proprio nei Quarti di Finale di questa Champions League…

La Galleria Fotografica di Roma – Manchester UTD 1-1

La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1

La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1
La Galleria Fotografica di Roma - Manchester UTD 1-1

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Psv – Inter 0-1: Cruz non si ferma mai, altra vittoria nerazzurra

Coppa del Mondo per Club: il Milan fatica con l’Urawa ma è in finale