Dopo l’infuocato anticipo del Marassi finito in parità tra Genoa e Juventus, oggi la Serie B ha mostrato partite non esattamente esaltanti come quella nel capoluogo ligure, ma comunque interessanti per la classifica e non solo. Pareggia a fatica e in 10 il Napoli che replica con Bogliacino al rigore trasformato da Lodi mentre l’unica vittoria esterna l’ha fatta il Bologna che ha espugnato il Bentegodi col gol di Marazzina; nei piani alti della graduatoria preziosa vittoria della Triestina che supera 2-1 e nel finale un generoso Spezia (a Severino, nella ripresa hanno risposto Lima e Graffiedi). Tanti i pareggi con alla fine 9 squadre in appena 4 punti; nei piani più bassi invece risaltano le vittorie di Modena (battuto il Treviso 1-0 con Campedelli) e Arezzo (4-1 contro il Pescara).

Il fatto
Il Napoli ha rischiato davvero grosso di perdere la partita a tavolino, come confermato anche da Edy Reja negli spogliatoi; nel secondo tempo infatti la partita è stata sospesa per 2 minuti prima e per altri 6 poi dall’arbitro Orsato per le intemperanze dei tifosi della curva B che hanno fatto scoppiare più di un petardo durante il match (pare per polemica contro Matarrese). Dopo l’intervento di De Laurentiis, sceso personalmente in campo, la partita è ricominciata ed è stata portata a termine benché per il San Paolo si preannuncia uno stop di una o più giornate.

La squadra
L’Albinoleffe di Mondonico non la smette di stupire conquistando il 13esimo risultato utile consecutive, frutto di 3 vittorie e 10 pareggi. Dopo aver fermato all’Azzurri d’Italia la corazzata Juventus, per l’11 seriano un’altra giornata da ricordare, non tanto per il punto guadagnato, ma per come esso è arrivato. In svantaggio per 0-2 per opera dei gol di Papa Waigo, i bergamaschi hanno accorciato le distanze con Cellini, salvo poi subire ancora con Pellé. Rimboccatisi ancora le maniche i padroni di casa sono riusciti ancora a reagire e prima Rabito è andato a segno con una splendida punizione, quindi negli ultimi minuti Bonazzi ha trovato il gol del pari con un bel numero in area.

Il personaggio
Oltre al succitato Papa Waigo, oggi è andato a segno per ben due volte solo un altro giocatore, ovvero Ray Volpato dell’Arezzo. La squadra toscana che aveva fino ad ora segnato solo 2 gol in 13 partite (uno dei quali siglato proprio dall’ex giocatore del Siena), contro il Pescara si è scatenata vincendo 4-1: come detto il giovane Volpato, di proprietà della Juve con la quale è cresciuto, è stato fondamentale perché ha realizzato una doppietta (i primi due gol degli aretini) con una deviazione prima e con un preciso rigore poi, effettuando anche una rovesciata spettacolare di poco alta. Complimenti.

Il gol
Lo 0-1 in terra scaligera ha consegnato al Bologna tre punti pesantissimi, espugnando il campo di un Verona fin troppo abulico (solo 5 gol segnati in 14 partite); il gol che ha deciso la partita è stato di Marazzina, autore di una autentica perla: ricevuta palla da Bellucci, l’attaccante felsineo se l’è portata avanti col petto e, poco dentro la parte sinistra dell’area di rigore, ha sferrato un tiro al volo ad incrociare potente e spettacolare che s’è infilato sotto il sette alla sinistra di Pegolo.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

notizie serie-b-20072008

ultimo aggiornamento: 02-12-2006


Bentornato Pes

La potenza è nulla senza controllo