Almeno 25 persone risultano ferite dopo una spaventosa calca avvenuta prima dell’amichevole tra Nigeria e Corea del Nord (terminata 3-1 per gli africani), in programma al Makhulong Stadium, in un sobborgo di Johannesburg, un impianto che non ospiterà le partite del Mondiale. Fonti delle forze dell’ordine di Johannesburg fanno sapere che è ferito in modo grave un poliziotto rimasto coinvolto nella calca dopo un fuggi fuggi generale. Il Makhulong Stadium è un impianto da diecimila posti che era già al completo, ma ad un certo punto si è accalcata una multitudine di gente, quasi tutti tifosi della Nigeria che pretendevano di entrare pur essendo privi di biglietto (alcuni erano in possesso di sole fotocopie degli originali).

Gli incidenti sono cominciati perché le forze dell’ordine (erano presenti circa 200 agenti) hanno deciso di chiudere i cancelli quando erano già entrate 8500 persone: temevano che alla fine, e visto che i biglietti erano stati distribuiti gratuitamente fra la popolazione locale, sarebbero entrati molti più spettatori del consentito, visto l’afflusso ai cancelli. Ma la pressione della folla ha sfondato un cancello che è crollato sul poliziotto ora ricoverato in gravi condizioni. Tra i feriti anche una giornalista coreana, stando a quanto riferito dalla tv brasiliena Rete Globo, i cui reporter erano presenti per ‘spiare’ i coreani, avversari del Brasile nel girone.

Le Foto della ressa allo Stadio




L’ospedale di Tembisa ha confermato di aver ricoverato 15 persone, ma che i feriti sono di più. Fra loro alcuni bambini, calpestati nella confusione generale verificatasi dopo il crollo di un cancello per il quale il poliziotto è rimasto ferito in modo grave. Ad un certo punto, per placare la folla, la polizia avrebbe anche fatto ricorso alle maniere forti.


La Fifa
e il comitato organizzatore di Sudafrica 2010 fanno sapere con una nota congiunta in riferimento a quanto successo durante la partita Nigeria-Corea del Nord che “questa amichevole non ha nulla a che vedere con le operazioni organizzative dei Mondiali 2010, per le quali manteniamo una fiducia assoluta”. L’obiettivo della Fifa sono le prime notizie secondo cui la federazione internazionale sarebbe stata parte integrande nel caos biglietti che ha causato la ressa: “Contrariamente a quanto fatto trapelare da alcuni media – continua la nota – la Fifa non c’entra assolutamente nulla con la distribuzione dei biglietti di questo match”.

Le Foto della ressa allo Stadio





















Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Benitez all’Inter è questione di ore

Calderoli: “Meno soldi ai calciatori, c’è crisi” – Cannavaro: “Paese ridicolo”