Se c’era un uomo che poteva regalare favole nel mondo del calcio, allora quello era Luciano Gaucci: andò proprio così con Cristian Bucchi, attaccante romano che l’ex patron del Perugia andò a pescare in Eccellenza per catapultarlo nel giro di un paio di mesi nella massima serie. Oggi compie 32 anni e qualcosina da raccontare ce l’ha: la morte della moglie, la squalifica per un anno per doping, tredici maglie e mezzo indossate (è stato tesserato con il Chievo ma non vi ha mai giocato) e anni di gloria in serie cadetta. Ha vestito l’azzurro dell’Under 21, ha siglato 11 gol in Serie A e quasi 100 in B: insomma, Bucchi verrà ricordato dai tifosi di molte squadre.

Cresciuto nella Sambenedettese esordì nei Dilettanti a 18 anni, giocando la bellezza di 28 partite; quindi si trasferì in Promozione alla Settempeda dove in due anni siglò 52 gol (il secondo in Eccellenza): fu a San Severino Marche che lo notò Gaucci, che così nel ’98 se lo portò a Perugia facendolo esordire in A. Al primo anno 27 presenze e 5 realizzazioni, l’anno dopo prestito a Vicenza, in B, e promozione in massima serie anche grazie ai suoi 10 centri. Tornato in Umbria venne squalificato per un anno a causa di utilizzo improprio di Nandrolone, ricominciò dalla Ternana (e sono altri 9 gol), quindi Catania.

Il Perugia nel 2003 lo vendette definitivamente al Cagliari, sempre in seconda serie, ed è qui che visse il suo periodo più nero: a parte le prestazioni calcistiche (appena un gol in un anno e mezzo), al ritorno da una partita trovò la moglie Valentina riversa in terra con la figlioletta sul suo corpo. La morte della compagna lo provò enormemente, ma pian pianino risalì la china: 5 gol in A con l’Ancona, quindi divenne il classico bomber di B: tra Ascoli, Modena e Napoli in tre stagioni la buttò dentro 58 volte, l’anno scorso Siena e Bologna (i felsinei salirono in A anche grazie ai suoi 5 gol), quest’anno di nuovo Ascoli.

Ora è di nuovo papà, ha una compagna ex tronista di Uomini e Donne (Roberta Leto), il cartellino appartiene ancora al Napoli e fra qualche giorno le parti si siederanno al tavolo per decidere il suo futuro. Infortunato per una frattura alla tibia, non ha potuto aiutare l’Ascoli nel finale di stagione, ma comunque i marchigiani se la sono cavata salvandosi alla grande; non possiamo che augurare a Bucchi un felice compleanno: se lo merita!

Auguri anche al laziale Libor Kozak (20).

Qui la scheda completa di Cristian Bucchi.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Pavel Nedved rinnova: un anno di contratto ancora con la Juventus

Colpo di scena: Nedved non firma e lascia la Juve, forse non il calcio. Mistero attorno alla vicenda